Anche quest’anno, il Piano che fissa gli obiettivi e le risorse disponibili per il nuovo anno scolastico, ha ottenuto il via libera del consiglio comunale, con approvazione all’unanimità.

Approvato all’unanimità il Piano per il diritto allo studio 2010–2011

10/10/2010 in Attualità
Di Luca Delpozzo

 Nel­la sedu­ta di mart­edì 28 set­tem­bre 2010 il Con­siglio comu­nale di Lona­to del Gar­da ha approva­to all’unanimità il nuo­vo Piano per il dirit­to allo studio.Con tale stru­men­to l’Amministrazione comu­nale fis­sa gli obi­et­tivi del pro­prio inter­ven­to e mette in cam­po le risorse nec­es­sarie per attuar­li nel cor­so del 2010–2011, in rap­por­to alle pro­prie disponi­bil­ità finanziarie, coor­di­nan­dole con i finanzi­a­men­ti region­ali disponi­bili. Tra gli aspet­ti cen­trali del nuo­vo pro­gram­ma, van­no sot­to­lin­eati, da un lato, la sostanziale con­fer­ma degli impor­ti (esat­ta­mente 131.700 euro di con­tribu­ti comu­nali), nonos­tante il peri­o­do di crisi che sta costrin­gen­do i comu­ni a rivedere le pro­prie spese, dall’altro, il man­ten­i­men­to delle tar­iffe vigen­ti sui servizi erogati.Più nel det­taglio, i servizi presta­ti per l’attuazione del dirit­to allo stu­dio riguardano: il trasporto sco­las­ti­co (di cui usufruis­cono 410 uten­ti), la men­sa (per 492 uten­ti iscrit­ti), i lib­ri di testo e il mate­ri­ale didat­ti­co per la scuo­la pri­maria e le sec­on­darie di pri­mo e sec­on­do gra­do, gli asseg­ni di stu­dio, il sosteg­no agli alun­ni delle scuole mater­ne autonome, il servizio di assis­ten­za pre e post orario sco­las­ti­co nonché l’assistenza ad per­son­am per i sogget­ti por­ta­tori di hand­i­cap. La scuo­la lonatese, quin­di, va avan­ti con l’impegno e i prog­et­ti di sem­pre. Ma non sen­za novità. Come riferisce il con­sigliere del­e­ga­to alla Cul­tura e all’Istruzione, Vale­rio Sil­vestri, «abbi­amo con­clu­so in tem­po, pri­ma dell’avvio dell’anno sco­las­ti­co, i lavori e il traslo­co nel­la nuo­va scuo­la dell’infanzia “Karol Wojty­la”, gra­zie all’ottimo lavoro svolto dal per­son­ale dell’Ufficio Tec­ni­co e alla preziosa opera delle inseg­nan­ti del­la scuo­la che, volon­tari­a­mente, durante il mese di agos­to, han­no col­lab­o­ra­to con i nos­tri addet­ti per sis­temare tut­ti gli arre­di. L’edificio è ido­neo ad accogliere 160 alun­ni lonate­si, 20 in più di quel­li dell’anno scor­so, alla “Barone Lan­ni Del­la Quara”. Con il cen­tro uni­co di cot­tura, il cos­to dell’intera strut­tura ammon­ta a 3,3 mil­ioni di euro. Inoltre, gli inter­ven­ti di mes­sa in sicurez­za sec­on­do le norme anti­sis­miche alla scuo­la sec­on­daria di 1° gra­do “Camil­lo Tarel­lo” stan­no rispet­tan­do i ter­mi­ni pre­visti. Con l’occasione sono state anche real­iz­zate due nuove aule e ampli­ate alcune preesisten­ti, esten­den­do la loro super­fi­cie a 60 metri qua­drati cias­cu­na, in modo da pot­er accogliere fino a 28 alun­ni per classe, sen­za prob­le­mi. In questo caso, l’investimento com­p­lessi­vo è di un mil­ione e 300mila euro».