Baldo Bike 2013

03/07/2013 in Ciclismo
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

In una domeni­ca decisa­mente grade­v­ole dal pun­to di vista cli­mati­co, la Bike mette a seg­no un nuo­vo suc­ces­so: la quar­ta edi­zione del­la “regi­na del Bal­do è sta­ta in gra­do di dare piena sod­dis­fazione ed emozioni a tut­ti i cir­ca 600 par­ten­ti che si sono ritrovati al via, di fronte alla palestra comu­nale di Riv­o­li Veronese. A met­tere il sig­illo all’edizione 2013 del­la Bal­do Bike è sta­to l’ex pro­fes­sion­ista su stra­da in forza ai Cicli Tad­dei Francesco Casagrande (sec­on­do al Giro d’I­talia del 2000 dietro Ste­fano Garzel­li, indossò la maglia rosa per undi­ci giorni ter­mi­nan­do con la maglia verde di sca­la­tore, quar­to pos­to al cam­pi­ona­to del mon­do su stra­da del 1999). Che non ha avu­to in alcun modo rivali una vol­ta che – cir­ca alla meta del per­cor­so – il grup­po di tes­ta ha inizia­to a sgra­nar­si. Sul sec­on­do e ter­zo gradi­no del podio sal­go­no rispet­ti­va­mente l’altoatesino Max­i­m­il­ian Viei­der (Team Zano­li­ni Bike) ed il colom­biano Fabio Cas­tane­da Mon­salve (Shi­mano Lati­namet­i­cana), giun­to sul­lo striscione d’arrivo allo sprint con i com­pag­ni di squadra Jhon­natan Botero Vil­le­gas e Jose Juan Escarce­ga Salazar. Al fem­minile dom­i­na la toscana Pamela Rinal­di (As Ciclis­si­mo Bike) prece­den­do la con­ter­ranea Beat­rice Mis­tret­ta (Cicli Tad­dei) e la veronese Lore­na Zoc­ca (SC Bar­bi­eri).

Rivoli ForteParten­za ener­gi­ca e in grande stile. La tes­ta del­la gara è già “a tut­ta” nei pri­mi chilometri: i bik­ers sono per­fet­ta­mente con­sapevoli del­la veloc­ità e ner­vo­sis­mo del per­cor­so. Dopo aver com­ple­ta­to il pri­mo “anel­lo” che por­ta al Par­co eoli­co sul monte Mesa, il set­ti­mo chilometro di gara vede il tran­si­to del ser­pen­tone col­orato di appas­sion­ati off road nei pres­si del­la sede del­la parten­za. Davan­ti il grup­po è anco­ra com­pat­to e si scor­gono Andrea Zam­boni (Bergn­er Brau) e Francesco Casagrande, Ivan Degasperi (Team Tode­sco) e Jose Juan Escarce­ga Salazar, Hec­tor Perez Munoz e Agosti­no Andreis (Gs Cicli Olympia), Marzio Deho (Gs Cicli Olympia) e Manuele Spa­di (Team New Bike 2008 Cycling). E la situ­azione pro­cede in modo invari­a­to sino al momen­to di affrontare la sali­ta vera e pro­pria: le tre salite Gaon, Bra­ga e Coali­ni por­tano alla scre­matu­ra del grup­po di tes­ta, che inizia ad essere per­fet­ta­mente con­trol­la­to dall’ex pro­fes­sion­ista Casagrande. Con l’alfiere dei Cicli Tad­dei in van­tag­gio inizial­mente di cir­ca 30’ su Spa­di Botero Vil­le­gas e Degasperi, viene rag­giun­to anche il Gpm che seg­na la boa di metà gara. Allo­ra il van­tag­gio di Casagrande incre­men­ta ad un min­u­to ed il grup­pet­to di inse­gui­tori si com­pone con Viei­der, Spa­di e Botero Vil­le­gas. Al ter­mine del­la disce­sa “delle cave” (30esimo chilometro) il van­tag­gio di Casagrande si con­sol­i­da a oltre un min­u­to e mez­zo, men­tre l’unico inse­gui­tore diret­to diviene Viei­der segui­to a oltre due minu­ti (cinque da Casagrande) dal trio Cas­tane­da Mon­salve, Botero Vil­le­gas e Escarce­ga Salazar. Medes­i­ma la situ­azione a meno cinque chilometri, quan­do i bik­ers tran­si­tano per la sec­on­da vol­ta nei pres­si del­la parten­za e si avviano a per­cor­rere parte del trac­cia­to del­la Mesa Bike, il cross coun­try orga­niz­za­to dall’Asd Giomas (domeni­ca 12 mag­gio).

Bardolino foto aereaSod­dis­fazione è sta­ta espres­sa dai 600 par­ten­ti per la logis­ti­ca, ben dis­pos­ta ed inti­ma: seg­rete­ria e pas­ta par­ty, parcheg­gi e lavag­gio bici, doc­ce e bag­ni era­no per­fet­ta­mente rag­giun­gi­bili e fruibili pres­so la palestra comu­nale di Riv­o­li Veronese. Decisa­mente gra­di­ta anche l’area espos­i­ti­va pres­so cui gli spon­sor asso­ciati al cir­cuito Ima Scapin Ital­ian Mtb Awards han­no potu­to mostrare i pro­pri prodot­ti tec­ni­ci. Sem­pre a propos­i­to del cir­cuito Ima Scapin Ital­ian Mtb Awards è sta­to apprez­za­to e segui­tis­si­mo dai pre­sen­ti il rit­uale appun­ta­men­to con “il proces­so alla tap­pa” con­dot­to da uno degli orga­niz­za­tori Gian­lu­ca Bar­bi­eri e dal­la speak­er di gior­na­ta Fabia Sar­tori. All’insegna di umoris­mo e pas­sione per la moun­tain­bike sono sta­ti inter­vis­ta­ti i tre vinci­tori asso­lu­ti al maschile ed al fem­minile, i team leader del cir­cuito (Ciclis­si­mo Bike, Cicli Tad­dei e Fer­rara Bike), nonché le autorità locali ed orga­niz­za­tive.

Ivan Cristo­falet­ti, pres­i­dente Asd Giomas: “Siamo davvero orgogliosi di aver rag­giun­to questo liv­el­lo orga­niz­za­ti­vo. Il ringrazi­a­men­to va ovvi­a­mente a tut­ti: dai bik­ers che han­no parte­ci­pa­to ai volon­tari che han­no sup­por­t­a­to la gara, dall’amministrazione che ci ha sup­por­t­ati ai pro­pri­etari che han­no con­ces­so i loro ter­reni per il tran­si­to. L’arrivederci è al prossi­mo anno”.

Per info: http://www.baldobikeevent.com.

 

 

Fabia Sar­tori – Uffi­cio Stam­pa

 

Parole chiave: