L’assessore Mauro Parolini conferma l’impegno della Provincia per prolungare la tangenziale e annuncia due nuove rotatorie a Desenzano

Bretella di Rovizza, lavori al via nel 2004

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Avan­ti ada­gio. La tan­gen­ziale Lona­to-Peschiera, inter­rot­ta alla roton­da di San Mar­ti­no del­la Battaglia, prob­a­bil­mente resterà chiusa anco­ra per un bel po’ di tem­po. Ma gli abi­tan­ti di Colom­bare di Sirmione, quel­li oggi fin trop­po penal­iz­za­ti dal traf­fi­co inten­so causato pro­prio dal man­ca­to pro­l­unga­men­to del­la vari­ante, pos­sono almeno sper­are di non dover più res­pi­rare i veleni prodot­ti dai gas di scari­co di migli­a­ia di veicoli al giorno. La bretel­la di Roviz­za, infat­ti, reg­is­tra un altro sig­ni­fica­ti­vo pas­so in avan­ti: entro fine anno ver­ran­no appal­tati final­mente i lavori. Lo ha annun­ci­a­to ieri nel cor­so di una con­feren­za stam­pa l’asses­sore provin­ciale ai Lavori pub­bli­ci, Mau­ro Paroli­ni, il quale ha anche reso noto l’im­mi­nente costruzione di due rotonde a Desen­zano. La pri­ma, a ridos­so del viadot­to fer­roviario (all’al­tez­za del chiosco del­la frut­ta), la sec­on­da ver­so via Bezzec­ca, real­iz­za­ta a servizio del cen­tro com­mer­ciale dei «Dia­man­ti» i cui lavori sono com­in­ciati nei giorni scor­si. Questo in atte­sa del­la real­iz­zazione di un’al­tra grande rota­to­ria all’al­tez­za del­l’in­cro­cio del­l’ospedale, aut­en­ti­ca croce del­la via­bil­ità del bas­so Gar­da. Infine, il ter­zo prog­et­to illus­tra­to dal­l’asses­sore provin­ciale riguar­da altre tre rotonde sul­la tan­gen­ziali­na per Padenghe, sec­on­do questo ordine: all’an­go­lo con via San Benedet­to, all’al­tez­za del cur­vone del Mas­sadri­no con un innesto sul­la strad­i­na di cam­pagna che col­le­ga il retro del­l’ab­bazia di Maguz­zano e in prossim­ità del bar Bus­so­la (incro­cio con la Garde­sana). In totale il Bro­let­to impeg­n­erà oltre 12 mil­ioni e 265 mila euro per miglio­rare la via­bil­ità del­l’in­tero asse viario tra il bas­so e il medio lago (una venti­na tra rotonde, allarga­men­ti, ecc.). Vedi­amo ora nel det­taglio le opere, alcune delle quali già annun­ci­ate a suo tem­po. Sul­la nuo­va bretel­la del­la Roviz­za di Sirmione, che sarà lun­ga 1,6 chilometri e costerà cir­ca 2, 7 mil­ioni di euro (500 mila dal Comune di Sirmione, 100 mila da Poz­zolen­go, il resto divi­so a metà tra Provin­cia e ), ci sono ormai tut­ti i pareri tra cui quel­lo delle due Soprint­en­den­ze di Verona e Bres­cia. Nel­la con­feren­za dei servizi svoltasi a Bres­cia sono sta­ti inoltre acquisi­ti i pareri deter­mi­nan­ti del­la Provin­cia di Verona e dei Comu­ni. Nel­la prossi­ma con­feren­za ver­ran­no esam­i­nati solo i det­tagli, poi il via all’ap­pal­to entro fine anno. Ragionevol­mente, si può anche azzardare che nel 2004 la bretel­la sarà con­seg­na­ta. In questo modo gli auto­mo­bilisti diret­ti a Peschiera e oltre non dovran­no più obbli­ga­to­ri­a­mente uscire a Colom­bare, allen­tan­do così la mor­sa del traf­fi­co che oggi, invece, par­al­iz­za l’in­tera peniso­la e crea allarme per la salute dei res­i­den­ti. Del­la tan­gen­ziale, invece, si attende sem­pre il via lib­era dal­la Regione Vene­to: ma a quan­do il pro­l­unga­men­to fino a Castel­n­uo­vo? A Desen­zano, invece, i lavori delle due rotonde all’in­gres­so del­l’abi­ta­to ver­ran­no appal­tati entro quest’es­tate e ulti­mati entro fine anno. In via Bezzec­ca la nuo­va opera con­sen­tirà di assor­bire il traf­fi­co diret­to ai «Dia­man­ti»: ma è impens­abile che con l’aper­tu­ra del nuo­vo cen­tro com­mer­ciale il traf­fi­co alle porte di Desen­zano miglior­erà. Sem­mai ver­rà neglio rego­la­to per evitare che la cit­tà resti par­al­iz­za­ta più di quan­to lo sia già. Infine, la tan­gen­ziale per Padenghe: entro il prossi­mo giug­no pre­sen­tazione del prog­et­to esec­u­ti­vo e tra dieci mesi l’inizio (forse) dei lavori.

Parole chiave: