Sul tavolo del sindaco Treccani un progetto ambizioso per collegare su rotaie Asola e Lonato. Un investimento da 90 miliardi da realizzare in cinque anni

Carpenedolo aspetta la ferrovia

09/03/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enzo Trigiani

Tra i tan­ti prog­et­ti sul tavo­lo del sin­da­co di Carpenedo­lo Valenti­no Trec­ca­ni, prende con­sis­ten­za la pro­pos­ta di col­le­gare con un per­cor­so fer­roviario la cit­tad­i­na di Aso­la con la bres­ciana Lona­to, coin­vol­gen­do nel pas­sag­gio Castel­gof­fre­do, Cas­tiglione delle Stiviere, Carpenedo­lo e Mon­tichiari. «Lo stu­dio sul quale abbi­amo fat­to delle rif­les­sioni — spie­ga Trec­ca­ni — è, allo sta­to di fat­to, un’idea che solo in sec­on­da bat­tuta potrebbe trasfor­mar­si in un prog­et­to defin­i­ti­vo. L’idea è del sin­da­co di Cere­sara Enzo Foz­za­to, il quale, in sin­to­nia con i Comu­ni chia­mati in causa, vor­rebbe dare vita ad una quar­an­ti­na di chilometri cir­ca di trat­ta fer­ra­ta che col­leghi la fer­rovia Bres­cia-Par­ma nel nodo di Aso­la con la -Venezia a Lona­to». Sot­to lo sti­mo­lo del respon­s­abile ammin­is­tra­ti­vo di Cere­sara, si sono incon­trati i sin­daci Valenti­no Trec­ca­ni per Carpenedo­lo, Gianan­to­nio Rosa per Mon­tichiari, Arturo Sicurtà per Cas­tiglione delle Stiviere, Moran­do Peri­ni pri­mo cit­tadi­no di Lona­to, Mario Baruf­fi per Castel­gof­fre­do e Gior­dano Rivera per Aso­la. «L’in­con­tro ha prodot­to risul­tati che las­ciano ben sper­are in un futuro meno vin­co­la­to al traf­fi­co su gom­ma. Ovvi­a­mente non si è par­la­to del trac­cia­to che la fer­rovia dovrà seguire. Nel­la riu­nione — con­fer­ma Trec­ca­ni — ci siamo lim­i­tati ad approvare un pro­to­col­lo d’in­te­sa sul­la fat­tibil­ità del­l’idea». La nuo­va trat­ta fer­roviaria sarà des­ti­na­ta ad alle­viare l’in­ten­so traf­fi­co mer­ci del­la Bas­sa bres­ciana, movi­men­tan­do oltre 15000 vago­ni l’an­no. «L’in­ves­ti­men­to sti­ma­to si aggi­ra attorno agli 80–90 mil­iar­di di lire — riv­ela il sin­da­co di Carpenedo­lo — con inves­ti­men­to di cap­i­tale mis­to tra pri­va­to e pub­bli­co». Carpenedo­lo trar­rà «enor­mi ben­efi­ci» dal­la nasci­ta del­la nuo­va lin­ea fer­roviaria, che «ter­rà sicu­ra­mente con­to del­l’im­pat­to ambi­en­tale — affer­ma Trec­ca­ni — stu­dian­do con sen­si­bil­ità il trac­cia­to. Il prog­et­to del­la fer­rovia Aso­la-Lona­to finirà sui tavoli degli uffi­ci inter­es­sati in Regione, in Provin­cia, su quel­li del­la asso­ci­azione degli Indus­tri­ali, dei Com­mer­cianti e delle varie asso­ci­azioni inter­es­sate». Di par­ti­co­lare inter­esse lo stu­dio mon­te­clarense su come pro­l­un­gare il per­cor­so fer­roviario fino all’, che pare avere nel Dna una vocazione al trasporto mer­ci con aerei car­go. I tem­pi di real­iz­zazione? «Una pri­ma sti­ma ci por­ta ottimisti­ca­mente a sper­are in cinque anni — con­clude il sin­da­co Trec­ca­ni -. Potremo essere in ogni caso più pre­cisi nel giro di qualche mese».

Parole chiave: