Consegnato il nuovo labaro dei donatori di sangue dell’ Avis

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Benedet­to e con­seg­na­to il nuo­vo labaro dei dona­tori di sangue dell’ al grup­po del Par­co Mate­ri­ali Motor­iz­zazione e Genio nel cor­so del rito reli­gioso cel­e­bra­to nel­la chiesa del depos­i­to Genio dal cap­pel­lano mil­itare Don Luigi.

Alla cer­i­mo­nia han­no parte­ci­pa­to il diret­tore del Par­co Mate­ri­ali Colon­nel­lo Sal­va­tore Mar­tinel­lo, il coor­di­na­tore dei dona­tori il Pri­mo Mares­cial­lo Antoni­no Lo Iacono , la respon­s­abile del cen­tro trasfu­sion­ale del­l’ospedale Orlan­di di Bus­solen­go dot­tores­sa Loredana Mar­tineli, il pres­i­dente del­l’Avis aril­i­cense Fioren­zo Zam­bel­li con il pres­i­dente Ono­rario Vit­to­rio Gottardi.

Il gesto del­la don­azione del sangue esprime amore e fra­ter­nità ver­so chi è in dif­fi­coltà e che ha neces­sità di ripren­der­si alla vita — ha sot­to­lin­eato il cel­e­brante nel cor­so del­la benedi­zione del labaro — e risponde intera­mente al libro del­la scrit­tura che si apre a chi è in sta­to di bisog­no e dove ognuno di noi deve essere fratel­lo ed aprir­si al sosteg­no ed al con­for­to di chi soffre.”

E’ un grande onore per me essere oggi con voi — ha esor­di­to la dot­tores­sa Loredana Mar­tinel­li — per­ché vedo nascere un nuo­vo grup­po di uomi­ni gen­erosi che vogliono aiutare chi sof­fre con la don­azione del sangue. Un grande gesto di gen­erosità che vi fa grande onore.”

Abbi­amo rag­giun­to le diciot­to unità — spie­ga Antoni­no Lo Iacono — ma sti­amo lavo­ran­do affinché altri ami­ci si unis­cano a noi per imple­mentare il grup­po dei dona­tori di sangue del Genio. E’ un impeg­no che abbi­amo assun­to e che vogliamo ono­rare per il bene di chi è sta­to meno fortunato.”

Viva la sod­dis­fazione per il diret­tore Sal­va­tore Mar­tinel­lo e per il pres­i­dente Fioren­zo Zam­bel­li per aver dato vita anche al Genio Mil­itare del grup­po dona­tori che si aggre­ga a quel­lo del­la Scuo­la di Polizia di Sta­to alla comu­nale arilicense.

Ser­gio Bazerla

Parole chiave: