Riparato sul campanile il congegno anti pennuti messo fuori uso da un fulmine dispettoso

Crociata contro i piccioni

07/09/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
cad.

Nasi all’in­sù ieri mat­ti­na in piaz­za Tre Novem­bre per assis­tere alla spet­ta­co­lare «oper­azione anti­colom­bi». A richia­mare i numerosi pas­san­ti e gli imman­ca­bili curiosi la pre­sen­za di un lunghissi­mo brac­cio di una gru di una dit­ta spe­cial­iz­za­ta che, mon­ta­to su un camion, ave­va rag­giun­to la cus­pi­de del­l’al­to cam­panile del­la Col­le­gia­ta. Alla som­mità del mez­zo mec­ca­ni­co vi era una piattafor­ma sospe­sa nel vuo­to con alcune per­sone. Era­no dei tec­ni­ci di una dit­ta che sta­va sos­tituen­do un impianto elet­tron­i­co «anti-colom­bi», che, tem­po fa, un ful­mine ave­va mes­so fuori uso. L’ap­parec­chiatu­ra emette delle onde elet­tro­mag­netiche sonore che spaven­tano i volatili e così riman­gono alla larga dal­la artis­ti­ca chiesa set­te­cen­tesca. Il lavoro degli addet­ti è pros­e­gui­to con lo sparg­i­men­to sul­l’ampia fac­cia­ta di uno spe­ciale liq­ui­do spray che fa allon­tanare i colom­bi. Per ovvi motivi d’estet­i­ca, la Sovrain­ten­den­za provin­ciale ai beni cul­tur­ali non con­sente infat­ti di col­lo­care sulle super­fi­ci piane esterne del­l’ed­i­fi­cio sacro quelle cus­pi­di in fer­ro che soli­ta­mente ven­gono usate nelle case per non far sostare questi uccel­li. L’ec­ces­si­va pre­sen­za di colom­bi che han­no scel­to come dimo­ra la Col­le­gia­ta è un grave prob­le­ma per ora inso­lu­to. Onde sonore e liq­ui­di spray lim­i­tano ma non evi­tano tale pre­oc­cu­pante inva­sione. Esiste infat­ti il peri­co­lo reale che gli escre­men­ti pos­sano creare notevoli dan­ni all’ester­no del­la chiesa, con la con­seguen­za di van­i­fi­care pre­mat­u­ra­mente il recente restau­ro del­la par­roc­chiale, costa­to parec­chi mil­iar­di. Tale nau­se­abon­da pre­sen­za risul­ta par­ti­co­lar­mente ril­e­vante nel­la parte alta del cam­panile (in cer­ti pun­ti ha uno spes­sore di una deci­na di cen­timetri e più), cau­san­do evi­den­ti intral­ci alla manuten­zione delle campane.