Dopo il balletto classico di Ciaikovskij altre due serate di spettacolo in villa. Oggi e domani «A night for dancing» e «Tra inferno e paradiso»

Danza e magia nel parco Carrara

30/07/2005 in Manifestazioni
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
A. J.

Il pub­bli­co delle gran­di occa­sioni alla pri­ma delle tre ser­ate ris­er­vate al bal­let­to. Al par­co di vil­la Car­rara Bottaci­sio un notev­ole suc­ces­so ha riscos­so il bal­let­to di Ciaikovskij La bel­la addor­men­ta­ta nel bosco, nel­la ver­sione core­ografi­ca orig­i­nale di Mar­ius Peti­pa. A pro­porre il clas­si­co spet­ta­co­lo è sta­to il bal­let­to del Teatro acca­d­e­mi­co ucraino, con core­ografie di Alexan­der Sokolov e pri­mi bal­leri­ni: Max­im Petrenko, Olga Doron­i­na e Oxana Bon­dre­va. La bel­la addor­men­ta­ta nel bosco assieme al Lago dei cig­ni e allo Schi­ac­cianoci, nelle core­ografie di Mar­ius Peti­pa, restano cap­ola­vori squisi­ti d’una let­ter­atu­ra musi­cale di eva­sione, una specie di a fumet­ti d’altissima classe. Ques­ta sera, con inizio alle 21 sem­pre nel mer­av­iglioso par­co a lago, è la vol­ta del bal­let­to mod­er­no: A Night For Danc­ing ideato dal­la Steps dance school di con inseg­nante core­ografa e bal­le­ri­na Lisa Aloisi e con la parte­ci­pazione stra­or­di­nar­ia di Efren Bres­san e Ste­fano Righi. La terza e con­clu­si­va ser­a­ta di bal­let­to, tutte pro­poste dal Comune, vede in pro­gram­ma, domani, Tra infer­no e par­adiso. Si trat­ta di uno spet­ta­co­lo raf­fi­na­to, di un alto liv­el­lo tec­ni­co e cul­tur­ale, ma di imme­di­a­ta pre­sa sul pub­bli­co più dis­para­to, inter­ca­la­to da un mix di , teatro e pit­tura. Le scenografie cre­ano un ambi­ente magi­co; gli effet­ti audio e luci, frut­to del prog­et­to di Emma Bene­di­ni e Piero Got­ti, preve­dono la proiezione di immag­i­ni di opere d’arte, quadri, fotografie, come nelle più attuali ten­den­ze del teatro. Le core­ografie sono in stile mod­er­no ed ele­gante imposta­to sul­la mod­ern jazz dance, con con­t­a­m­i­nazioni di dan­za clas­si­ca e con appor­ti anche del fla­men­co, dall’hip-hop e dalle danze latine e caraibiche. La com­pag­nia è com­pos­ta da Emma Bene­di­ni, dan­za­trice solista, sette tra bal­leri­ni e bal­ler­ine e due attori. Lo spet­ta­co­lo è lib­era­mente ispi­ra­to alla Div­ina Com­me­dia dantesca.

Parole chiave: -