Il testo completo pubblicato sulla gazzetta Ufficiale della Repubblica

Decreto Erga Omnes al Consorzio Tutela Lugana Doc

10/10/2007 in Attualità
Di Luca Delpozzo

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALIDECRETO 26 Set­tem­bre 2007Conferimento al Con­sorzio tutela “Lugana” DOC del­l’in­car­i­co asvol­gere le fun­zioni di con­trol­lo pre­viste dal decre­to 29 mag­gio 2001per la DOC dei vini “Lugana”.IL DIRETTORE GEN­ERALEper la quali­ta’ dei prodot­ti agroal­i­men­ta­riV­is­to il rego­la­men­to (CE) n. 1493/1999 del Con­siglio del 17 maggio1999 rel­a­ti­vo all’or­ga­niz­zazione comune del mer­ca­to vitivinicolo;Vista la legge 10 feb­braio 1992, n. 164, recante nuo­va dis­ci­plinadelle denom­i­nazioni d’o­rig­ine dei vini;Visto il decre­to del Min­istro delle politiche agri­cole e fore­stali 4 giug­no 1997, n. 256, recante norme sulle con­dizioni per con­sen­tire l’at­tivi­ta’ dei Con­sorzi volon­tari di tutela e dei Con­sigli­in­ter­pro­fes­sion­ali delle denom­i­nazioni di orig­ine e delle indi­cazioni geogra­fiche tipiche dei vini;Visto il decre­to del Min­istro delle politiche agri­cole e forestali29 mag­gio 2001, recante il con­trol­lo sul­la pro­duzione dei vini diquali­ta’ prodot­ti in regioni deter­mi­nate (V.Q.P.R.D.);Visto il decre­to del Min­istro delle politiche agri­cole e forestali21 mar­zo 2002, con­cer­nente l’ap­provazione del­lo schema di piano deicon­trol­li, delle rel­a­tive istruzioni e del prospet­to tar­if­fario aifi­ni del­l’ap­pli­cazione del decre­to min­is­te­ri­ale 29 mag­gio 2001,recante il con­trol­lo sul­la pro­duzione dei vini di quali­ta’ prodot­ti­in regioni deter­mi­nate (V.Q.P.R.D.);Visto il decre­to del Min­istro delle politiche agri­cole ali­men­ta­ri efor­e­stali 4 agos­to 2006, con­cer­nente la vig­i­lan­za sul con­trol­lo del­lapro­duzione dei vini di quali­ta’ prodot­ti in regioni determinate(V.Q.P.R.D.);Visto in par­ti­co­lare l’art. 2 del cita­to decre­to ministeriale4 agos­to 2006 che con­sente, nelle more del­la rifor­ma strut­turale del­sis­tema dei con­trol­li, di pot­er autor­iz­zare i Con­sorzi di tutela peri rel­a­tivi vini DO, nel rispet­to dei req­ui­si­ti e delle con­dizion­iprevisti dai citati decreti min­is­te­ri­ali 29 mag­gio 2001 e 21 marzo2002;Visto il decre­to del Pres­i­dente del­la Repub­bli­ca 21 luglio 1967 esuc­ces­sive mod­i­fi­cazioni, con il quale e’ sta­to rispet­ti­va­menteap­prova­to e mod­i­fi­ca­to il dis­ci­pli­nare di pro­duzione del­la DOC deivi­ni “Lugana”;Vista la richi­es­ta pre­sen­ta­ta, ai sen­si del cita­to decre­to 4 agosto2006, dal Con­sorzio tutela Lugana DOC, con sede in Sirmione(Brescia), via Mar­coni 2, muni­to del­l’in­car­i­co di vig­i­lan­za ai sen­sid­el­l’art. 19, del­la legge n. 164/1992, inte­sa ad ottenere l’in­car­i­cop­er l’at­tivi­ta’ di con­trol­lo di cui all’art. 2 del decre­to 29 maggio2001 nei con­fron­ti del­la DOC dei vini “Lugana”, corre­da­ta del­larel­a­ti­va doc­u­men­tazione ed in par­ti­co­lare del piano dei con­trol­li edel rel­a­ti­vo tariffario;Considerato che la cita­ta richi­es­ta e’ sta­ta ogget­to di val­u­tazionenel­la speci­fi­ca riu­nione del 12 giug­no 2007 pres­so questo Min­is­te­ro­con la parte­ci­pazione del cita­to Con­sorzio di tutela e del­rap­p­re­sen­tante del­la ;Vista la doc­u­men­tazione agli atti del Min­is­tero ed in par­ti­co­lareil parere favorev­ole espres­so dal­la regione Lom­bar­dia sul piano deicon­trol­li e sul prospet­to tar­if­fario nel­la cita­ta riu­nione del12 giug­no 2007;Visto altre­si’ il parere favorev­ole espres­so dal­la regione Vene­to­con nota n. 521665 del 21 set­tem­bre 2007;Visto il decre­to del Min­istro delle politiche agri­cole ali­men­ta­ri efor­e­stali 29 mar­zo 2007 con­cer­nente dis­po­sizioni sul con­trol­lo del­lapro­duzione dei vini di quali­ta’ prodot­ti in regioni determinate(V.Q.P.R.D.), in par­ti­co­lare il dis­pos­to di cui all’art. 11, com­ma 2,secondo il quale l’istrut­to­ria in cor­so, alla data di entra­ta invig­ore del­lo stes­so decre­to, delle domande gia’ pre­sen­tate ai sen­sid­el­l’art. 2, com­ma 1, del decre­to min­is­te­ri­ale 4 agos­to 2006 con­tin­u­a­con la pro­ce­du­ra di cui al decre­to min­is­te­ri­ale 29 mag­gio 2001;Visto il decre­to 13 luglio 2007 con­cer­nente l’ap­provazione del­loschema di piano dei con­trol­li, del prospet­to tar­if­fario e lade­ter­mi­nazione dei cri­teri per la ver­i­fi­ca del­la rappresentativita’della fil­iera vitivini­co­la, in appli­cazione del­l’art. 2, com­ma 2, delde­cre­to min­is­te­ri­ale 29 mar­zo 2007, recante dis­po­sizioni sul­con­trol­lo del­la pro­duzione dei vini di quali­ta’ prodot­ti in region­ide­ter­mi­nate (V.Q.P.R.D.);Ritenuto che sus­sistono i req­ui­si­ti per pro­cedere all’e­m­anazionedel provved­i­men­to di autor­iz­zazione nei con­fron­ti del Con­sorziois­tante, ai sen­si del­l’art. 2 del cita­to decre­to 4 agos­to 2006 edel­l’art. 11, com­ma 2, del cita­to decre­to 29 mar­zo 2007;Decreta:Art. 1.1. Il , con sede in Sirmione (Brescia),via Mar­coni 2, e’ autor­iz­za­to ad espletare le fun­zioni di con­trol­lo­pre­viste dal decre­to min­is­te­ri­ale 29 mag­gio 2001 per la DOC dei vini“Lugana”, nei con­fron­ti di tut­ti i pro­dut­tori (viticoltori,vinificatori e imbot­tiglia­tori) che inten­dono riven­di­care la pre­det­tade­nom­i­nazione di origine.Art. 2.1. Il Con­sorzio di tutela autor­iz­za­to dei vini DOC “Lugana”, dis­e­gui­to denom­i­na­to Con­sorzio autor­iz­za­to, dovra’ assi­cu­rare che,conformemente alle attivi­ta’ schema­tiz­zate nel piano di con­trol­loap­prova­to, il proces­so pro­dut­ti­vo ed il prodot­to cer­ti­fi­ca­to con laDOC “Lugana” rispon­dano ai req­ui­si­ti sta­bil­i­ti nel rel­a­tivodis­ci­pli­nare di pro­duzione approva­to con il decre­to indi­ca­to nellepremesse.2. Per assi­cu­rare le finali­ta’ di cui al com­ma 1:a) le regioni, le camere di com­mer­cio, indus­tria, arti­giana­to eagri­coltura, le province e i comu­ni com­pe­ten­ti per ter­ri­to­rio dipro­duzione del­la DOC “Lugana” sono tenu­ti a met­tere a dis­po­sizionedel Con­sorzio autor­iz­za­to ogni utile doc­u­men­tazione, in par­ti­co­laregli albi dei vigneti e i rel­a­tivi aggior­na­men­ti, le denunce delleuve, le cer­ti­fi­cazioni d’i­donei­ta’ agli esa­mi analiti­ci edorganolettici;b) pre­lim­i­n­ar­mente all’avvio degli adem­pi­men­ti di pro­pri­a­com­pe­ten­za in mate­ria di riven­di­cazione e di con­trol­lo analiti­co edorganolet­ti­co, le camere di com­mer­cio, indus­tria, agri­coltura ear­ti­giana­to com­pe­ten­ti per ter­ri­to­rio di pro­duzione sono tenute aver­i­fi­care l’avvenu­to paga­men­to al Con­sorzio autor­iz­za­to degli oner­irel­a­tivi all’at­tivi­ta’ di con­trol­lo, da parte dei pro­dut­toririchieden­ti l’at­tribuzione del­l’at­tes­tazione del­la DOC in ques­tioneper le rel­a­tive par­tite di uve e di , in con­for­mi­ta’ ai lim­i­ti­indi­cati nel prospet­to tar­if­fario deposi­ta­to pres­so il Min­is­terodelle politiche agri­cole ali­men­ta­ri e forestali;c) le regioni, le province e le camere di com­mer­cio, industria,agricoltura e arti­giana­to com­pe­ten­ti per ter­ri­to­rio di pro­duzionepos­sono del­e­gare al Con­sorzio autor­iz­za­to le fun­zioni ad esseat­tribuite dal­la legge 10 feb­braio 1992, n. 164 e dal decre­to­min­is­te­ri­ale n. 256/1997 in mate­ria di ges­tione e di con­trol­li nelset­tore dei V.Q.P.R.D.:in par­ti­co­lare le camere di commercio,industria, agri­coltura e arti­giana­to pos­sono del­e­gare il Con­sorzioau­tor­iz­za­to, con­forme­mente al dis­pos­to del­l’art. 16, com­ma 3, del­la­legge 10 feb­braio 1992, n. 164, a rilas­cia­re, lim­i­tata­mente alla DOC“Lugana”, le rice­vute di pro­duzione delle uve al con­dut­tore che hap­re­sen­ta­to la rel­a­ti­va denuncia;d) le ditte imbot­tigli­atri­ci devono apporre sulle bot­tiglie o suire­cip­i­en­ti di capaci­ta’ non supe­ri­ore a 60 litri le fascette stam­patedal­l’Is­ti­tu­to Poligrafi­co del­lo Sta­to attes­tanti l’avvenu­to con­trol­loe recan­ti la numer­azione pro­gres­si­va, sec­on­do il mod­el­lo approva­to­dal Min­is­tero delle politiche agri­cole ali­men­ta­ri e fore­stali. Inal­ter­na­ti­va, e’ con­sen­ti­to, ai sen­si del­l’art. 9, com­ma 3, delde­cre­to min­is­te­ri­ale 29 mar­zo 2007, l’u­ti­liz­zo del lot­to — di cuial­l’art. 13 del decre­to leg­isla­ti­vo 27 gen­naio 1992, n. 109 ‑attribuito alla par­ti­ta cer­ti­fi­ca­ta dal­la dit­ta imbot­tigli­atrice eco­mu­ni­ca­to dal­la medes­i­ma dit­ta al pre­det­to sogget­to autor­iz­za­to almo­men­to del con­segui­men­to del parere di conformita’.Art. 3.1. Il Con­sorzio autor­iz­za­to non puo’ mod­i­fi­care la denom­i­nazione­so­ciale, il pro­prio statu­to, i pro­pri organi di rap­p­re­sen­tan­za, ilpi­ano dei con­trol­li, il sis­tema tar­if­fario nei con­fron­ti del­la DOC“Lugana”, cosi’ come deposi­tati pres­so il Min­is­tero delle politichea­gri­cole ali­men­ta­ri e fore­stali, sen­za il pre­ven­ti­vo assen­so di dettaautorita’.2. Il Con­sorzio autor­iz­za­to comu­ni­ca ogni vari­azione con­cer­nente ilper­son­ale ispet­ti­vo indi­ca­to nel­la doc­u­men­tazione pre­sen­ta­ta, lacom­po­sizione del Comi­ta­to di cer­ti­fi­cazione o del­la strut­turae­quiv­a­lente e del­l’organo deci­dente i ricor­si, nonche’ l’e­ser­cizio diat­tivi­ta’ che risul­tano ogget­ti­va­mente incom­pat­i­bili con ilman­ten­i­men­to del provved­i­men­to autorizzatorio.3. Il man­ca­to adem­pi­men­to delle pre­scrizioni del pre­sen­tearti­co­lo puo’ com­portare la revo­ca del­l’au­tor­iz­zazione concessa.Art. 4.1. Il Con­sorzio autor­iz­za­to e’ sot­to­pos­to alla vig­i­lan­za eserci­tatadal Min­is­tero delle politiche agri­cole ali­men­ta­ri e fore­stali ‑Ispet­tora­to cen­trale per il con­trol­lo del­la quali­ta’ dei prodot­ti­a­groal­i­men­ta­ri, e dalle regioni Lom­bar­dia e Vene­to, ai sen­sid­el­l’art. 5 del decre­to min­is­te­ri­ale 29 mag­gio 2001 e del­l’art. 1 delde­cre­to min­is­te­ri­ale 4 agos­to 2006, fino all’e­m­anazione del decre­to­di cui all’art. 10 del decre­to min­is­te­ri­ale 29 mar­zo 2007.2. Il Con­sorzio autor­iz­za­to, su del­e­ga dei pro­dut­tori, ha l’onere­di fornire agli enti com­pe­ten­ti in mate­ria di ges­tione e vig­i­lan­zanel set­tore delle denom­i­nazioni di orig­ine dei vini le dichiarazion­ie le comu­ni­cazioni pre­viste dal­la nor­ma­ti­va vigente atti­nen­til’at­tivi­ta’ di con­trol­lo autor­iz­za­ta con il pre­sente decreto.Art. 5.1. La pre­sente autor­iz­zazione ha la validi­ta’ di un tri­en­nio, adecor­rere dal­la data di pub­bli­cazione del decre­to 29 mar­zo 2007richiamato nelle pre­messe, e com­por­ta per il Con­sorzio autor­iz­za­to: l’ob­bli­go di provvedere, entro un anno dal­l’en­tra­ta in vig­ore delde­cre­to diri­gen­ziale del Min­is­tero delle politiche agri­coleal­i­men­ta­ri e fore­stali 13 luglio 2007, all’adegua­men­to del piano deicon­trol­li e del prospet­to tar­if­fario, con­forme­mente agli schemi­ap­provati con il pre­det­to decre­to diri­gen­ziale; l’ob­bli­go del rispet­to delle pre­scrizioni pre­viste nel presentedecreto.2. La pre­sente autor­iz­zazione puo’ essere sospe­sa o revo­ca­ta con­de­cre­to del Min­is­tero delle politiche agri­cole ali­men­ta­ri e fore­stali­qualo­ra vengano meno i req­ui­si­ti che ne han­no deter­mi­na­to laconcessione.Il pre­sente decre­to sara’ pub­bli­ca­to nel­la Gazzetta Uffi­ciale del­laRe­pub­bli­ca italiana.Roma, 26 set­tem­bre 2007Il diret­tore gen­erale: La Torre