Da Picchi a Bach gli organi storici risuonano a Vesio

Domenica in chiesa

08/12/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

La Civi­ca di Tremo­sine pre­siedu­ta da Mar­cel­lo Cobel­li con­tin­ua con le sue pro­poste cul­tur­ali, legate al mon­do musi­cale clas­si­co. Affi­an­ca­ta in ques­ta occa­sione dal­la Par­roc­chia del­la frazione di Vesio, mette in sce­na «Gli organi stori­ci del­la Lom­bar­dia», di sce­na domeni­ca alle 20.30 nel­la chiesa di San Bar­tolomeo, a Vesio. Si trat­ta di una rasseg­na (inseri­ta nel cartel­lone del Fes­ti­val Lom­bar­dia Europa Musi­ca, orga­niz­za­to dal­la Regione) che prevede l’ef­fet­tuazione di un con­cer­to. La curiosità — per gli esti­ma­tori del set­tore — con­siste nel fat­to che il pro­gram­ma musi­cale potrà fare affi­da­men­to sul­l’u­ti­liz­zo di un organo del 1768. Le stesse com­po­sizioni pro­poste rap­p­re­sen­tano «un excur­sus nel­la musi­ca per organo a Venezia tra Cinque­cen­to e Set­te­cen­to». Ver­ran­no ese­gui­te opere di alcu­ni tra i prin­ci­pali autori musi­cali del peri­o­do: Gio­van­ni Pic­chi («Tode­scha» e «Bal­lo dit­to il Pichi») oltre ad Andrea e Gio­van­ni Gabrieli e Francesco Cav­al­li (ver­rà ese­gui­ta «Can­zona a quat­tro»). Gli appas­sion­ati potran­no ascoltare anche opere di Albi­noni (Con­cer­to numero 5 opera 2), di Gior­gio Gen­tili (Con­cer­to 5 op. 1) e di Vival­di (Con­cer­to 9 op. 3, nel­la trascrizione di Johann Sebas­t­ian Bach). Il pro­gram­ma ver­rà com­ple­ta­to da una Sonata di Benedet­to Mar­cel­lo. All’organo ci sarà Francesco Bra­vo, trentac­inquenne tre­vi­giano, diplo­ma­to in organo, com­po­sizione organ­is­ti­ca e clav­icem­ba­lo con il mas­si­mo dei voti (a Venezia e Castel­fran­co Vene­to). Francesco Bra­vo è Ispet­tore Ono­rario del Min­is­tero dei Beni Cul­tur­ali e opera atti­va­mente per il restau­ro degli organi stori­ci. È mem­bro del­la Com­mis­sione per la tutela degli Organi Stori­ci pres­so la Soprint­en­den­za per i Beni Ambi­en­tali e Architet­toni­ci di . L’ingresso è libero. Per infor­mazioni tele­fonare allo 031/571150.

Parole chiave: