Il Consorzio Lugana DOC al MIA di Rimini

Di Luca Delpozzo
Luigi Del Pozzo

Si svol­gerà dal 6 al 10 feb­braio prossi­mo la 29a edi­zione del M.I.A., la Mostra Inter­nazionale dell’Alimentazione, allesti­ta pres­so il cen­tro fieris­ti­co di Rimini.Un appun­ta­men­to par­ti­co­lar­mente impor­tante per tut­to il set­tore dell’alimentazione al quale anche il Con­sorzio Tutela , attra­ver­so il suo pres­i­dente avv. Francesco Ghi­ral­di, non ha volu­to mancare.Positiva l’esperienza del­la pas­sa­ta edi­zione (’98) che ha chiu­so con un bilan­cio di oltre 61.000 vis­i­ta­tori, 2.217 dei quali esteri. L’itero par­co espos­i­ti­vo si esten­de­va su oltre 40.000 mq. e gli espos­i­tori sono sta­ti 800.Con l’edizione di immi­nente avvio, e in osse­quio al numero­sis­si­mo pub­bli­co di ris­tora­tori (26% la pas­sa­ta edi­zione) inter­es­sato sia a qual­i­fi­care che ad arric­chire la pro­pria car­ta dei vini, il MIA ha volu­to dare spazio al set­tore vini­co­lo con l0istituzione del nuo­vis­si­mo mar­chio Vini Top. Si trat­ta in prat­i­ca del­la 1a Rasseg­na dei vini ital­iani per la ris­torazione che par­tendo dal padiglione F si svilup­perà trasver­salmente all’intero Salone in modo da dare la mas­si­ma evi­den­za a questo set­tore che vede pre­sen­ti ben 200 aziende vinicole.Il ben si inserisce in questo con­testo rap­p­re­sen­tan­do tut­ta la realtà pro­dut­ti­va dei suoi asso­ciati. Una pre­sen­za dovu­ta anche, e soprat­tut­to, all’interessamento del­la Cam­era di Com­mer­cio di Verona sen­si­bile ad una sem­pre mag­gior val­oriz­zazione di questo grande prodot­to del­la ter­ra garde­sana la cui area inter­es­sa le due regioni: Vene­to e Lombardia.Una realtà che ha avu­to, final­mente, anche la par­ti­co­lare atten­zione del­la glo­riosa e mit­i­ca Gui­da Rossa Miche­lin che ha volu­to inserire il Lugana nel­la carti­na nazionale dei migliori vini italiani.Fra le numerose man­i­fes­tazioni col­lat­er­ali, pro­mosse a sosteg­no del set­tore vini­co­lo è da seg­nalare per lunedì 8 feb­braio, ore 18.00, Oscar Berebene 1999 con degus­tazione dei vini pre­miati, orga­niz­za­to dal­la riv­ista Gam­bero Rosso in col­lab­o­razione con A.I.S., Asso­ci­azione Ital­iana Sommeliers.Infine da seg­nalare anche la parte­ci­pazione, gra­zie all’interessamento dell’ICE, l’Istituto per il Com­mer­cio con l’Estero, di qual­i­fi­cati oper­a­tori stranieri, selezionati in base al loro speci­fi­co inter­esse all’importazione dei vini ital­iani.