I vini saranno presenti alla «Settimana Dannunziana» da domani al 22 settembre «La grandinata del 4 agosto non ci ha piegati» dicono i produttori

Il Garda classico risale la china

12/09/2002 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Gardone Riviera

A poco più di un mese (il 4 agos­to) dal­la grand­i­na­ta che ha dura­mente col­pi­to il com­par­to vitivini­co­lo del­la riv­iera bres­ciana del Gar­da, il Con­sorzio del Gar­da Clas­si­co lan­cia un pri­mo seg­nale del­la pro­pria volon­tà di ripresa, annun­cian­do la parte­ci­pazione alle man­i­fes­tazioni del­la «Set­ti­mana Dan­nun­ziana», orga­niz­za­ta dal Comune di Gar­done Riv­iera da domani al 22 set­tem­bre. Nel­lo speci­fi­co, i vini del Gar­da Clas­si­co saran­no pro­tag­o­nisti nel­l’am­bito de «I sapori del­la riv­iera», una delle tante man­i­fes­tazioni che ter­ran­no ban­co durante la sette giorni ded­i­ca­ta al Vate: una vera e pro­pria vet­ri­na delle pro­duzioni tipiche del­la zona, che da domani a domeni­ca pro­por­rà prodot­ti come pesce di lago, for­mag­gi del­l’al­to Gar­da, olio extravergine d’o­li­va Gar­da Dop e dol­ci­u­mi a base di agru­mi in abbina­men­to con Gar­da clas­si­co bian­co, Rosso supe­ri­ore e . I Sapori del­la Riv­iera ver­ran­no offer­ti in degus­tazione tra le 17.30 e le 23 in alcu­ni dei più carat­ter­is­ti­ci angoli di Gar­done, come piazzetta Mar­coni, piazzetta Wim­mer e il lun­go­la­go. In piazzetta Mar­coni il Con­sorzio del Gar­da Clas­si­co alle­stirà anche la tradizionale Corte degli Assag­gi, nel­la quale sarà pos­si­bile effet­tuare degus­tazioni com­para­te fra medes­ime tipolo­gie di dif­fer­en­ti pro­dut­tori ed esprimere le pro­prie val­u­tazioni. La parte­ci­pazione alla man­i­fes­tazione dan­nun­ziana giunge a con­sol­i­dare in maniera ulte­ri­ore la part­ner­ship tra Gar­da Clas­si­co e Comune di Gar­done Riv­iera, già sper­i­men­ta­ta con suc­ces­so fra mag­gio e giug­no nel­l’am­bito di alcune inizia­tive che han­no coni­u­ga­to il fas­ci­no impaga­bile del­la per­la tur­is­ti­ca del­la Riv­iera con le pro­duzioni vitivini­cole tar­gate Gar­da Clas­si­co. «Per noi essere a Gar­done per le cel­e­brazioni dan­nun­ziane assume un val­ore par­ti­co­lare — spie­ga il pres­i­dente del Con­sorzio Diego Pasi­ni — È il miglior modo per dimostrare che, nonos­tante i gravi dan­ni subiti ai vigneti, il com­par­to non è in ginocchio».

Parole chiave: