Il «Portolano» racconta i segreti per approdare nei porti gardesani

Di Luca Delpozzo
cad.

Per la cres­cente schiera degli appas­sion­ati del nav­i­gare risul­ta indis­pens­abile sapere dove vi sono gli appro­di e come arrivarvi sen­za dan­ni. I fre­quen­ta­tori del Gar­da pos­sono con­tare sul «Por­tolano» di quel lago scrit­to da due esper­ti conosc­i­tori del più grande spec­chio d’ac­qua ital­iano. Sono i gior­nal­isti Ele­na Schi­a­vo e San­dro «Pelle» Pel­le­gri­ni. La loro «crociera» sal­pa dal por­to di Tor­bole e toc­ca tut­ti gli appro­di e le inse­n­a­ture dove trovare riparo fino a Peschiera. Ogni local­ità è rac­con­ta­ta nei par­ti­co­lari, com­pre­sa la dis­lo­cazione delle boe, e ven­gono seg­nalati tut­ti gli osta­coli. Sul­la qual­ità del­la pub­bli­cazione edi­ta da Mur­sia la dice lun­ga il suc­ces­so del­l’edi­zione tedesca. Pre­sen­ta­ta al salone del libro di Fran­co­forte del 1999, è entra­ta nei pri­mi 10 del­la Top ten sti­la­ta dalle prin­ci­pali librerie di Berli­no, Fran­co­forte, Stoc­car­da e Mona­co. In Baviera è assur­ta tra i pri­mi 5 lib­ri del­la nau­ti­ca più ven­du­ti, In Aus­tria è in terza posizione.