Inaugurata a Moniga del Garda la Mostra di Tiziana Zini “Tra realtà e immaginazione”

23/08/2018 in Mostre
Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

È stata inaugurata la mostra personale di Tiziana Zini,  alla presenza dell’Assessore Carla Marchesi che l’ha ringraziata per  la costante partecipazione alla vita culturale del Comune e  si è congratulata per il livello della produzione espositiva.

Il Prof. Giovanni Quaresmini è entrato con particolare sensibilità nel tema realtà tangibile e reinterpretazione artistica, frutto della creatività, creatività che, nei dipinti di Tiziana si intreccia all’amore per la natura , all’amicizia, al mondo degli affetti.

Infatti nella personale, alla Sala Polivalente, di Moniga del Garda,  Tiziana  esprime una visione artistica ed uno stile rinnovati, rispetto alle mostre precedenti, frutto di una ricerca continua e che in molti auspichiamo prosegua per raggiungere risultati sempre più tangibili.

Sono ancora presenti la  dolcezza malinconica dello sguardo di giovani donne, le sfumature  azzurre-grigie, degli occhi, dell’abito, dello sfondo, che si amalgamano, introducono a sogni  lontani, diventano presenze evanescenti e misteriose sulle acque del lago, fra i canneti e il biancore scintillante di barche ormeggiate.

In  contrasto, improvvisamente vetri e vite infrante dall’uomo violentemente proiettato nell’estinzione della natura e di sè stesso, esprime un forte messaggio contro la violenza perpetrata sull’ambiente.

A questo punto le figure femminili, eleganti, si allontanano dal presente,  diventano  inavvicinabili, proiettate verso l’isola che non c’è e che si intravede irraggiungibile per l’impervia scogliera.

Le sfumature  celesti alludono a sogni  lontani, fra presenze fredde  e intriganti, fascino e oblio, e tramonti di fuoco.

L’artista si esprime con tenerezza  quando proietta l’immagine della figlia adolescente nelle nebbie di un bosco incantato,  adotta uno stile  naif per dipingere i vicoli irrorati dal sole e la Piazza San Martino, da più prospettive.

Traccia visioni siderali con verdi e blu intensi nello scorcio del Porto di Moniga, in contrasto col bianco del Dehors collocato a destra, ispirandosi ad Hopper, per le tracce di incomunicabilità, Tema costante questo  senso di solitudine esistenziale, appropriato ai tempi che stiamo vivendo.

Mariateresa Martini

 

Commenti

commenti