L'appuntamento per sabato prossimo 14 giugno

Inaugurazione Castello

10/06/2003 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Silvio Stefanoni

Il prossi­mo 14 giug­no con i lavori di rifaci­men­to di alcune vie , ver­ran­no inau­gu­rati anche i lavori di ristrut­turazione dell’antico castel­lo . Il castel­lo di Poz­zolen­go si erge sul colle Mon­te­fluno e con la sua pos­sente mole sem­bra qua­si pro­teggere muta sen­tinel­la , gli abi­tan­ti del paese col­linare , ulti­mo geografi­ca­mente par­lan­do del­la Provin­cia di Bres­cia , pos­to al cro­ce­via di tre Province : Bres­cia , Verona , Man­to­va e di due regioni : Lom­bar­dia e vene­to . Ma il castel­lo di Poz­zolen­go , fortez­za costru­i­ta attorno al 1250 è sta­to vera­mente il pro­tet­tore degli abi­tan­ti dell’antico bor­go , le sue pos­sen­ti mura che resistono da sec­oli all’incuria del tem­po e fino a poco tem­po fa anche a quel­la degli uomi­ni , furono sicuro rifu­gio per i poz­zolengh­e­si in uno dei momen­ti più dram­mati­ci del­la sto­ria del paese . Cor­re­va l’anno 1630 ‚ed era in atto la lot­ta per la suc­ces­sione del Duca­to di Man­to­va essendo istin­ta la lin­ea prin­ci­pale dei Gon­za­ga . La lot­ta era tra il ramo cadet­to dei Gon­za­ga di Guastal­la e il ramo francese nei Neveres . A sostenere i Neveres sce­sero in Italia i feroce Ale­man­ni ( era­no più bestie che uomi­ni scrive il Bet­toni ) gui­dati dal Con­te Ram­bal­do di Col­lal­to nobile vicenti­no in lot­ta con Venezia . Ed è appun­to in una grande battaglia che a Goito gli Ale­man­ni sbaragliano l’esercito veneziano e dilagano incen­dian­do e sac­chegian­do i pae­si che incon­tra­no sul­la loro stra­da . Il I Giug­no sono in vista di Poce­len­go ( l’antico nome di Poz­zolen­go ) , gli abi­tan­ti si rifu­giano nel castel­lo , il paese è mes­so a fer­ro e fuo­co . Per otto giorni invano i fero­ci ale­man­ni cer­cano di con­quistare il castel­lo , ma i poz­zolengh­e­si si difendono con la forza del­la dis­per­azione e alla fine i bar­bari se ne van­no . Con Ducale del 14 giug­no 1630 al Provved­i­tore di Salò ( Poz­zolen­go face­va parte del­la “ Mag­nifi­ca Patria “ vale a dire sot­to il dominio di Venezia ) il Doge Nicolò Con­tareno elo­gia il com­por­ta­men­to degli abi­tan­ti di Poz­zolen­go a dife­sa del luo­go . Saba­to 14 come dice­va­mo saran­no inau­gu­rate le opere di sis­temazione fat­te all’interno del castel­lo . Sarebbe però aus­pi­ca­bile che fos­se mes­sa una lapi­de a ricor­do di quel lon­tano fat­to , a perenne ricor­do di quei anon­i­mi poz­zolengh­e­si che 373 anni fa con il loro cor­ag­gio e il loro sac­ri­fi­cio , entro le mura di questo castel­lo fecero si che Poz­zolen­go non fos­se distrutto .