È stata ufficialmente inaugurata ieri a San Felice del Benaco la quarta edizione della «Rassegna regionale dell’olio extravergine di oliva di qualità».

Interessante mostra dell’olio d’oliva extravergine

Di Luca Delpozzo

È stata ufficialmente inaugurata ieri a San Felice del Benaco la quarta edizione della «Rassegna regionale dell’olio extravergine di oliva di qualità», che ha visto affluire operatori del turismo e della gastronomia, produttori e visitatori provenienti da più località della provincia e della regione; i battenti, peraltro, erano stati aperti già venerdì, nel «Palazzo Monte di Pietà» in piazza del Municipio. Ha tagliato il nastro l’on. Francesco Ferrari, presidente della Commissione agricoltura della Camera, attorniato da altre autorità: il presidente della Comunità del Garda, Adelio Zanelli; il presidente dell’Associazione interregionale produttori olivicoli lombardi (Aipol), Giovanni Mazzoldi; quello dell’Ateneo di Salò, Vittorio Pirlo; dell’Ente vini bresciani, Emilio Alberto Pancera (che è anche produttore di olio in Valtenesi). Ha porto il benvenuto il primo cittadino di San Felice, Ambrogio Florioli, che ha sottolineato come la rassegna sia stata creata con l’intento di pubblicizzare la coltura dell’ulivo. «Ha raggiunto quest’anno la quarta edizione riportando significativi risultati, anche per la presenza del Frantoio cooperativistico per la molitura delle olive, che associa oltre 250 produttori». Il presidente del comitato organizzatore, Giovanni Mazzoldi (che è appunto presidente dell’Aipol nonché del Frantoio cooperativistico), ha sottolineato il fatto che hanno ottenuto successo anche i convegni, le conferenze di indubbio interesse scientifico e naturalistico nonché le manifestazioni folcloristiche con le bande musicali itineranti in varie cascine della zona, dove è stato possibile assaggiare prodotti con l’olio d’oliva, per i quali si sono impegnate le massaie della zona. L’on. Francesco Ferrari ha evidenziato «l’importanza del lavoro dell’uomo rivolto all’ulivo ed alla produzione dell’olio, lavoro che viene valorizzato con queste rassegne, che esaltano la qualità raggiunta con tanti sacrifici degli agricoltori, per un prodotto importante per la gastronomia, che è direttamente legata al turismo». Sono state una quarantina le aziende di produzione della Lombardia che hanno risposto all’appello dell’Aipol e degli organizzatori, ed hanno esposto il loro olio, alcune con assaggi e degustazioni guidate.Carlo Bresciani

Carlo Bresciani Carlo Bresciani

Commenti

commenti