Il Garda è calato di circa 20 centimetri

La falda s’abbassa lentissima

06/12/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

Il Gar­da con­tin­ua a calare solo di tre cen­timetri al giorno nonos­tante che ogni sec­on­do escano 190 metri cubi d’ac­qua e ne entri­no ormai 70: il sal­do neg­a­ti­vo è quin­di di 120 metri cubi sec­on­do. L’idrometro a Peschiera ieri mat­ti­na face­va seg­nare 156 cen­timetri sopra lo zero, 18/19 al di sot­to del­la pun­ta mas­si­ma. Anche la fal­da è cala­ta, fra i 50 cen­timetri ed il metro, a sec­on­da delle local­ità. Però sec­on­do cal­coli di Vin­cen­zo Ces­chi­ni, in cer­ti luoghi era sali­ta anche di 315 cen­timetri: da una pro­fon­dità intorno ai 5 metri a meno di due. Il mas­si­mo aumen­to c’è sta­to nei ghi­aioni dove una vol­ta pas­sa­va il Sar­ca. Ci vor­rà anco­ra un mese per­chè torni ai liv­el­li nor­mali: e per for­tu­na non piove più e quin­di lo scari­co dei crinali delle mon­tagne è con­sid­erevol­mente dimi­nu­ito. A com­pli­care la situ­azione del­la Busa da questo pun­to di vista con­tribuisce l’ed­i­fi­cazione mas­s­ic­cia che ha inter­rot­to in cen­to posti, ed inter­ra­to, la rete di fitte che anti­ca­mente ser­vivano a drenare dal­la piana l’ec­ces­so di acqua. Tagliati i canali per far pos­to a strade ed edi­fi­ci, non c’è più lo sfo­go: e purtrop­po si vede.