Bella, suggestiva cerimonia l’altra mattina per l’intitolazione della piazzetta all’interno del castello a un illustre cittadino di Pozzolengo: Ugo Mulas

La piazza dell’assedio ricorda Mulas

08/06/2004 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Silvio Stefanoni

Bel­la, sug­ges­ti­va cer­i­mo­nia l’altra mat­ti­na per l’intitolazione del­la piazzetta all’interno del castel­lo a un illus­tre cit­tadi­no di Poz­zolen­go: Ugo Mulas. Pre­sen­ti il sin­da­co , l’assessore alla Cul­tura Ric­car­do Saet­ti, l’assessore alle Attiv­ità Pro­dut­tive del­la Provin­cia di Bres­cia Enri­co Mat­tin­zoli, l’onorevole Ste­fano Saglia, il reg­ista poz­zolengh­ese Fran­co Piavoli, il pres­i­dente del­la Pro Loco Poz­zolen­go Mar­co San­ti­ni, la pres­i­dente del­la Comu­nale Eliana Gilar­di, i famil­iari di Ugo Mulas: la moglie Anto­nia ( Ninì), le figlie Meli­na e Valenti­na, le sorelle Luciana e Maria, i fratel­li Gian­ni e Mario e tan­ti, tan­tis­si­mi ami­ci che lo han­no conosci­u­to. Il sin­da­co Pao­lo Belli­ni ha spie­ga­to: «Era doveroso un riconosci­men­to ad un per­son­ag­gio che ha por­ta­to nel mon­do il nome di Poz­zolen­go. La piazzetta che gli dedichi­amo è pic­co­la, ma è un con­cen­tra­to di cul­tura e sto­ria». Anche l’assessore Mat­tin­zoli ha fat­to pre­sente l’importanza del dedi­care una piaz­za ad un grande del­la cul­tura, anche per­ché è un per­son­ag­gio anco­ra nel cuore del­la gente. La moglie Anto­nia, tenen­do per mano le due nipo­tine ha ringrazi­a­to tut­ti col­oro che han­no con­tribuito alla real­iz­zazione di questo atto atte­so da anni. «Come vor­rei — ha det­to- che Ugo fos­se qui, assime a noi, ai suoi nipo­ti­ni, a tut­ti voi che lo avete conosci­u­to e a dis­tan­za di tan­to tem­po non lo avete dimen­ti­ca­to. Cer­ta­mente, ne siamo cer­ti, lo spir­i­to di Ugo Mulas aleg­gia­va sui pre­sen­ti. Così come siamo cer­ti, che di ques­ta piazzetta dep­u­ta­ta ad ospitare even­ti cul­tur­ali, lo spir­i­to di Ugo Mulas ne sarà il pro­tet­tore». L’inaugurazione del­la Piazzetta del Castel­lo ded­i­ca­ta a Ugo Mulas, ripor­ta alla mente anche un altro inter­es­sante even­to. Quel giorno, il sei giug­no di 373 anni fa, la popo­lazione di Poz­zolen­go asser­ragli­a­ta nel castel­lo, sta­va resisten­do da cinque giorni all’assalto delle orde Ale­manne gui­date dal Con­te Ram­bal­do di Col­lal­to; anco­ra due giorni di immani sof­feren­ze e final­mente i fero­ci asse­di­anti se ne andran­no sen­za aver con­quis­ta­to il castel­lo dife­so con grande cor­ag­gio dagli abi­tan­ti di Pozzolengo.

Parole chiave: -