Gli ormeggi a ore nei porticcioli della sponda bresciana del lago di Garda gestiti dal Consorzio sono in tutto 44

L’idea dell’ormeggio a ore per una pausa alle crociere

Di Luca Delpozzo

Sul lun­go­la­go Diaz di Sirmione, dirimpet­to al por­to, sono disponi­bili 6 boe, al pon­tile del por­to di San Felice le boe sono 3, nel­la zona Tip Tap di Salò sono in tut­to 11 le boe a ore.A Gar­done Riv­iera tre boe sono col­lo­cate al con­fine con Salò men­tre a Gargnano 5 boe a ore sono disponi­bili sul lun­go­la­go Zanardelli.Infine Limone ha ris­er­va­to lo spazio più ampio per questo servizio con 16 boe sul lun­go­la­go Zanardel­li. Desen­zano che ha una ges­tione autono­ma offre 15 posti a ore.I campi boa ordi­nari sono pre­sen­ti a Sirmione (133 ormeg­gi sud­di­visi in 10 campi), Padenghe (4 campi per 154 boe), Moni­ga (342 boe in 8 campi), Maner­ba (463 boe in 11 campi), San Felice del Bena­co (196 boe sud­di­vise in 6 campi).È qua­si super­fluo ricor­dar­lo: le imp­rese tur­is­ti­co nau­tiche, impor­tan­ti ele­men­ti del­la fil­iera tur­is­ti­ca nazionale, neces­si­tano di uno sfor­zo nor­ma­ti­vo che sem­pli­fichi l’utilizzo dei mezzi nau­ti­ci appro­priati e sia il più pos­si­bile svin­co­la­ta dal­la cul­tura mer­can­tile, che inizial­mente ha ispi­ra­to le nor­ma­tive sul dipor­to, ma che ormai risul­ta inadegua­ta e d’ostacolo per lo svilup­po delle imp­rese del com­par­to tur­is­ti­co nautico.Proprio per questo moti­vo il set­tore ha bisog­no di essere orga­niz­za­to e gesti­to in base a mec­ca­n­is­mi che ren­dano servizi adeguati alla doman­da attuale, dinam­i­ca e desiderosa di un’assistenza 24 ore su 24.