-

Oggi Rumarola poi Piccolo teatro Pronte alla «sfida» le compagnie con

07/08/2002 in Cultura
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Garda

Il lago ama far teatro. Sono una cinquan­ti­na i garde­sani che recitano nelle due com­pag­nie teatrali del­la riv­iera vene­ta. Entrambe sono nate a Gar­da, a un anno di dis­tan­za l’u­na dal­l’al­tra. La pri­ma è sor­ta nell’86, la sec­on­da è sta­ta fon­da­ta nell’87 e poi ha sposta­to la sede a : sono La Rumaro­la e il Pic­co­lo Teatro del Gar­da. Saran­no tut­t’e due pro­tag­o­niste, a una set­ti­mana di dis­tan­za, del­la rasseg­na in svol­gi­men­to a Gar­da al pala­con­gres­si: una mer­coledì 7 agos­to, l’al­tra il mer­coledì suc­ces­si­vo. Si com­in­cia ques­ta sera con La Rumaro­la, la com­pag­nia orga­niz­za­trice. Pre­sen­ta un nuo­vo lavoro, la ver­sione ital­iana di «Tons of mon­ey», tradot­to in «Una ton­nel­la­ta di sol­di», com­me­dia bril­lante, preg­na di humor bri­tan­ni­co. «Siamo una venti­na», dice Maria Antoni­et­ta Vian­i­ni, leader stori­co del grup­po «ma arriv­i­amo a quar­an­ta com­pren­den­do i gio­vanis­si­mi che parte­ci­pano alle par­o­die musi­cali di . Tut­ta gente di Gar­da e dei pae­si lim­itrofi. Dall’ 86 siamo sta­ti sulle scene un paio di centi­na­ia di volte, pre­sen­tan­do una quindic­i­na di testi. Da quindi­ci anni orga­nizzi­amo una rasseg­na inver­nale, da dieci quel­la esti­va». I suc­ces­si sono parec­chi. Per esem­pio il pre­mio di Teatro Don­na, a Marmiro­lo (con «Har­vey») o i riconosci­men­to di Veronel­la: miglior regia per Vin­cen­zo Rose e miglior attrice per Lau­ra Dellavalle in «Oper­azione calza­maglia» di Ray Cooney, tradot­ta da un mem­bro del­la com­pag­nia, Pier­pao­lo Bat­tis­toli, a sua vol­ta pre­mi­a­to come miglior attore a Iso­la del­la Scala con «Se devi dire una bugia dil­la grossa». A Iso­la il grup­po rac­coglie pre­mi da tre anni, pri­ma con Rino Con­der­curi in «Niente ses­so siamo ingle­si», poi miglior com­pag­nia con «Oper­azione calza­maglia» e infine una triplet­ta: miglior com­pag­nia e poi Bat­tis­toli e Bet­ty Coltri per la recitazione. Il Pic­co­lo Teatro del Gar­da è pun­to d’at­trazione di attori prove­ni­en­ti un po’ da tut­ta la riv­iera: da Sirmione fino a Mal­ce­sine, sal­en­do sino a Capri­no. È nato nell’ 87 da una cos­to­la del­la Rumaro­la e ha sede a Bar­dolino, pres­so Gior­gio Avanzi­ni, uno dei trasci­na­tori del grup­po insieme con la coster­manese Vit­to­ri­ana Degli Antoni: i due han­no parte­ci­pa­to a tutte e 487 le rap­p­re­sen­tazioni messe sin qui in sce­na dal­la com­pag­nia. A Gar­da mer­coledì 14 pre­sen­tano la «Sit­u­a­tion Com­e­dy» di Mor­timer e Cook: anco­ra teatro inglese, leg­gero e diver­tente, per la regia di Vin­cen­zo Rose (e la sera dopo saran­no a Tor­ri del Bena­co). Intan­to stan­no preparan­do una com­me­dia musi­cale, «Un trapezio per Lisis­tra­ta», mem­o­ra­bile nel­l’in­ter­pre­tazione del miti­co Quar­tet­to Cetra, con musiche di Gorni Kramer e testi di Garinei e Gio­van­ni­ni. «Sarà una fat­i­cac­cia», antic­i­pa la Degli Antoni «ma ne vale la pena. Esor­di­re­mo in novem­bre a Bar­dolino e fra i pro­tag­o­nisti avre­mo alcune voci del coro La Roc­ca di Gar­da». Il Pic­co­lo Teatro è impeg­na­to prati­ca­mente tut­ti i fine set­ti­mana in mez­z’I­talia. Ha rac­colto pre­mi pres­ti­gio­sis­si­mi dovunque: con «Alleluia bra­va gente» di Garinei e Gio­van­ni­ni, per esem­pio, ha vin­to la Maschera d’oro a Vicen­za e il Sipario d’oro a Trento.

Parole chiave: