Coregone: vero tesoro Parte la fase delle catture

Pesca sul lago

Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

Una notizia impor­tante per i pesca­tori sportivi bres­ciani: la pesca al core­gone è sta­ta aper­ta lunedì. Pesce pre­gia­to, il core­gone è molto richiesto dai pri­vati ma soprat­tut­to dai ris­tora­tori, che con la loro arte han­no saputo far­lo apprez­zare. Pri­ma del via alle cat­ture si sono svolte, sot­to il con­trol­lo delle guardie del­la Provin­cia di Bres­cia, otto pescate per il recu­pero delle uova ora in incubazione nell’impianto ittio­geni­co di Peschiera, gesti­to dalle province di Bres­cia e Verona. L’incubazione delle uova dur­erà cir­ca quar­an­ta giorni; suc­ces­si­va­mente gli avan­not­ti ver­ran­no come ogni anno liberati nelle acque del Bena­co. Il ripopo­la­men­to garan­tisce la con­ti­nu­ità del­la specie, e tutela con­tem­po­ranea­mente un inter­esse eco­nom­i­co crescente.