Dichiarazione del Presidente di Federalberghi Garda Veneto Marco Lucchini

Positive le presenze per le festività natalizie sul lago di Garda

Parole chiave: - - -
Di Redazione

Il week end lun­go dell’ con­clude nel migliore dei modi una sta­gione molto pos­i­ti­va dal pun­to di vista tur­is­ti­co. Colpisce l’indagine real­iz­za­ta da Fed­er­al­berghi Italia che evi­den­zia come tra e si siano mossi 14,2 mil­ioni di ital­iani (+11,6% rispet­to al 2015) men­tre solo per l’ 2,4 mil­ioni di ital­iani (+1,7%) han­no trascor­so qualche giorno di vacan­za in Italia per un giro d’af­fari di 437 mil­ioni di euro. Ma colpisce anco­ra di più la dichiarazione del Pres­i­dente di Fed­er­al­berghi Bern­abò Boc­ca:  “il 2016 si è chiu­so sfon­dan­do per la pri­ma vol­ta il muro dei 400 mil­ioni di pre­sen­ze uffi­ciali, ma ben 600 mil­ioni sono pre­da del mer­ca­to nero.”

Fa riflet­tere anche con­statare che solo una cinquan­ti­na di hotel sul Lago di Gar­da vene­to han­no deciso di aprire durante le fes­tiv­ità natal­izie. Si trat­ta soprat­tut­to di strut­ture ampie e orga­niz­zate che pos­sono offrire servizi come well­ness e piscine cop­erte.

Così com­men­ta, a tal propos­i­to, il pres­i­dente di Fed­er­al­berghi Gar­da Vene­to Mar­co Luc­chi­ni: “Ques­ta per­centuale piut­tosto bas­sa è dovu­ta al fat­to che le strut­ture medio pic­cole, a ges­tione famil­iare, la mag­gio­ran­za sul nos­tro ter­ri­to­rio, han­no tas­sazione e costi di ges­tione così ele­vati da far decidere loro di rimanere chiuse. Ques­ta situ­azione va a van­tag­gio delle strut­ture extral­berghiere abu­sive che non aven­do gli stes­si oneri pos­sono per­me­t­ter­si di rimanere aperte tut­to l’anno. Se la tas­sazione fos­se spalma­ta su tut­ti gli oper­a­tori tur­is­ti­ci, potrem­mo lavo­rare tut­ti in modo equo e per peri­o­di più lunghi.

Le ammin­is­trazioni anche quest’anno si sono impeg­nate molto, orga­niz­zan­do man­i­fes­tazioni di ogni tipo, mer­ca­ti­ni, fuochi d’artificio, pre­sepi, degus­tazioni e cre­an­do con gli addob­bi sug­ges­tive atmos­fere natal­izie di grande richi­amo. For­tu­nata­mente, nonos­tante in questo peri­o­do il Lago di Gar­da sia fre­quen­ta­to in molti casi da vis­i­ta­tori prove­ni­en­ti dall’entroterra o dalle regioni lim­itrofe e quin­di da un tur­is­mo gior­naliero o di sin­goli per­not­ta­men­ti, gli affezionati ospi­ti del lago non sono man­cati nep­pure quest’anno e da quan­to per­cepi­to attra­ver­so i nos­tri asso­ciati e l’osservatorio di Gar­da­Pass Book­ing, il nos­tro cen­tro di preno­tazione, gli hotel aper­ti han­no reg­is­tra­to una lus­inghiera per­centuale di occu­pazione, tal­vol­ta rag­giun­gen­do il tut­to esauri­to, con una pre­sen­za che per Capo­dan­no ha rag­giun­to e a volte super­a­to le tre not­ti. Quin­di sod­dis­fazione da parte delle strut­ture aperte, a con­fer­ma e a con­clu­sione di una sta­gione tur­is­ti­ca molto pos­i­ti­va. Ma si potrebbe comunque fare di più, preve­den­do una pro­mozione pro­gram­ma­ta e a lun­go ter­mine, un cal­en­dario even­ti costante e con­tin­u­a­ti­vo negli anni e, soprat­tut­to, la real­iz­zazione di pac­chet­ti tur­is­ti­ci che met­ten­do insieme i molti attrat­tori del nos­tro ter­ri­to­rio (le piste del Monte , i parchi a tema, le terme, i castel­li) e quel­li del­la vic­i­na Verona potreb­bero rap­p­re­sentare un vali­do incen­ti­vo per venire a conoscere il lago di Gar­da in veste inver­nale.

Dati pre­cisi sug­li arrivi durante le fes­tiv­ità natal­izie purtrop­po non pos­si­amo fornir­li, in quan­to non sono sta­ti resi noti. Fed­er­al­berghi Gar­da Vene­to lamen­ta da tem­po ques­ta caren­za. Nel tur­is­mo, set­tore trainante dell’economia vene­ta, è molto impor­tante avere dei dati aggior­nati per pot­er essere al pas­so con le richi­este ed offrire agli ospi­ti degli stan­dard il più pos­si­bile uni­for­mati. Per ovviare a ques­ta man­can­za sti­amo cer­can­do di coin­vol­gere gli alber­ga­tori del Gar­da in un prog­et­to di bench­mark­ing alberghiero: una piattafor­ma che per­me­t­ta ai nos­tri asso­ciati di con­frontar­si in maniera anon­i­ma con i col­leghi mon­i­toran­do, in tem­po reale, infor­mazioni come occu­pazione delle stanze e prezzi. Ovvi­a­mente la valid­ità e la pre­ci­sione di questo servizio sarà stret­ta­mente lega­ta al numero di ade­sioni da parte degli alber­ga­tori. I soli dati su arrivi e pre­sen­ze ormai non bas­tano più per sta­bilire la salute del set­tore e quin­di sis­te­mi di mon­i­tor­ag­gio come il bench­mark­ing sono impre­scindibili per ottenere anal­isi tur­is­tiche appro­pri­ate in chi­ave com­mer­ciale e di mar­ket­ing.

 

Parole chiave: - - -