In dirittura d’arrivo la passeggiata riveduta e corretta Progetto in Giunta

Presentato il lungolago di Rivoltella

Di Luca Delpozzo
Desenzano del Garda

Anche Riv­oltel­la avrà la sua passeg­gia­ta a lago. Dopo decen­ni di gran par­lare e polemiche che han­no occu­pa­to gli spazi dei gior­nali soprat­tut­to in questi ulti­mi mesi, final­mente il prog­et­to del pri­mo lun­go­la­go nel­la sto­ria del­la più popolosa frazione desen­zanese, è sta­to pre­sen­ta­to ed illus­tra­to con dovizia di par­ti­co­lari ieri sera nel­l’au­di­to­ri­um del­la par­roc­chia davan­ti al pub­bli­co delle gran­di occa­sioni. È la scommes­sa di Tom­ma­so Gia­rdi­no, asses­sore ai Lavori pub­bli­ci, che ave­va vis­to il suo prog­et­to orig­i­nario but­ta­to a lago dagli esper­ti del­la Soprint­en­den­za ai Beni ambi­en­tali e da buona parte del­la popo­lazione: quel­la passerel­la sospe­sa sul­l’ac­qua, stac­ca­ta di 20 metri dal­la riva, non era piaci­u­ta per niente. La riv­is­i­tazione del prog­et­to, redat­ta dal­lo stes­so architet­to Orazio Dogliot­ti, di Gen­o­va, uno dei più noti pro­fes­sion­isti ital­iani, prob­a­bil­mente piac­erà per una serie di ragioni sem­pli­ci. Innanz­i­tut­to la passeg­gia­ta è un unicum con la riva che unisce il por­to dema­niale alla Madon­na del­la Vil­la, poi le infra­strut­ture ed il mate­ri­ale sono per­fet­ta­mente inte­grati con l’am­bi­ente cir­costante, anzi ne for­mano una fusione per­fet­ta tan­to da ren­derne dif­fi­cile il riconosci­men­to come una nuo­va opera. Anche l’il­lu­mi­nazione ter­rà con­to delle esi­gen­ze ambi­en­tali. L’opera costerà qua­si 3 mil­ioni di euro, finanzi­a­bili con mutui. Poi la giun­ta Anel­li l’ap­proverà, ma non in aula con­sil­iare in quan­to fa parte del pac­chet­to di opere pub­bliche tri­en­nali già pas­sate in aula. Palaz­zo Bagat­ta dovrà fare, quin­di, presto, comunque pri­ma di chi­ud­ere i bat­ten­ti in vista delle elezioni del 26 mag­gio. Va det­to che non si trat­ta di una trova­ta elet­toral­is­ti­ca, in quan­to questo prog­et­to è sca­tu­ri­to da un pre­ciso impeg­no che la mag­gio­ran­za di cen­trode­stra ave­va inser­i­to nel pro­gram­ma di opere pub­bliche. Vedi­amo, dunque, come dovrebbe essere il nuo­vo lun­go­la­go di Riv­oltel­la. La sua larghez­za sarà medi­a­mente di cir­ca 4 metri e mez­zo. I pri­mi cen­to metri (a par­tire dal por­tic­ci­o­lo) saran­no sostenu­ti da un nuo­vo bas­tione che pre­sen­terà un par­ti­co­lare fronte ad archi con una ringhiera di pro­tezione in acciaio inos­sid­abile sab­bi­a­to al fine di evitare qual­si­asi rif­lesso ma tale da garan­tire una min­i­na manuten­zione ed un’altissi­ma resisten­za alla cor­ro­sione garan­ten­do la dura­ta dei mate­ri­ali inal­ter­ata nel tem­po. La passeg­gia­ta sarà cir­con­da­ta da aiuole e tan­to verde. Il basa­men­to sarà in cer­ti trat­ti in pietra, in altri con leg­no pre­gia­to. Ci sarà anche una piattafor­ma panoram­i­ca. Per con­senire l’alag­gio di pic­coli natan­ti da parte di pro­pri­etari pri­vati verà real­iz­za­to un pon­ti­cel­lo. Pros­eguen­do ver­so la Madon­na del­la Vil­la il per­cor­so si con­giungerà con una nuo­va «peniso­la» panoram­i­ca dota­ta di acces­si alla spi­ag­gia e pos­si­ib­lità di attrac­co in prossim­ità del per­cor­so pedonale esistente. La passeg­gia­ta, come si dice­va, sarà costru­i­ta con pietra, mas­sel­li mar­mor­ei, gran­i­ti ed acciot­to­lati, il leg­no sarà più lim­i­ta­to. Il verde avrà il suo notev­ole spazio, la sua mes­sa in opera però seguirà un mod­el­lo più spon­ta­neo e nat­u­rale. L’impianto di illu­mi­nazione è com­pos­to da lam­pade a lam­para, in modo da garan­tire una chiara ed uni­forme lumi­nosità sul­la passeg­gia­ta, favoren­do il con­fort per il passeg­gio ma elim­i­nan­do ogni sor­ta di inquina­men­to lumi­noso e di fas­tidioso abbaglia­men­to. In prog­et­to sono pre­visti ben 160 pun­ti lumi­nosi, con sequen­za ogni 8 metri.