Settembre fila a tutto turismo

Presenze: agosto fiacco è un ricordo

13/09/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

Dopo l’agos­to delle sor­p­rese (chi l’avrebbe mai det­to che ci sareb­bero sta­ti dei posti let­to vuoti? chi l’avrebbe mai det­to che qualche alber­ga­tore si sarebbe pen­ti­to — per la pri­ma vol­ta in vita sua — di aver las­ci­a­to cadere i con­trat­ti con le agen­zie straniere per las­cia­re spazio agli ital­iani?), ecco il set­tem­bre e l’ot­to­bre che potreb­bero reg­is­trare il record asso­lu­to delle pre­sen­ze tur­is­tiche a Riva e nel­l’al­to Garda.Non occorre aver diger­i­to un man­uale di sta­tis­ti­ca per ren­der­si con­to che da alcu­ni giorni il movi­men­to dei forestieri è a liv­el­li altissi­mi: bas­ta dare un’oc­chi­a­ta ai bar, al lun­go­la­go, alle piazze ed ai tradizion­ali parcheg­gi delle cor­riere. Ma Enio Meneghel­li, pres­i­dente del­l’Apt, alle sen­sazioni favorevoli aggiunge il con­tin­uo mon­i­tor­ag­gio delle aziende ricettive e questo con­sente di dire che siamo vicinis­si­mi al «tut­to esauri­to». C’è di che andarne fieri, anche se il bel­lis­si­mo tem­po ha fino­ra dato una mano, som­man­do alle preno­tazioni, che già era­no numerose, un for­tis­si­mo tur­is­mo che ha deciso all’ul­ti­mo minuto.«In agos­to — ragiona Meneghel­li — il mare ci fa mag­giore con­cor­ren­za. A fine estate e nel pri­mo autun­no, invece, abbi­amo un tur­ista vera­mente moti­va­to. Bici­clet­ta, passeg­giate, tran­quil­lità, bellezze nat­u­rali, gas­trono­mia, posizione strate­gi­ca per gite in cit­tà d’arte e sulle Dolomi­ti: ecco alcu­ni dei «prodot­ti» che ci qual­i­f­i­cano. Abbi­amo fat­to bene a puntare sul­l’al­lunga­men­to del­la sta­gione e a capire che la gente non cer­ca soltan­to i trenta gra­di all’ombra».Gli fa eco Enzo Bas­set­ti, pres­i­dente del­l’U­nione: «Sì, dopo un agos­to anom­alo, c’è sta­ta, come ave­va­mo pre­vis­to, una gran­dis­si­ma ripresa. E sono molto ottimista per il prossi­mo mese e mez­zo: ci sono anche le fiere ed i con­gres­si, un cal­en­dario mai fit­to come quest’an­no. Sono migli­a­ia di pre­sen­ze. Ma non solo. Appun­ta­men­ti come il meet­ing degli anziani del terziario, il Fena­com, ser­vono anche come bigli­et­to da visi­ta. Per Riva ci saran­no altre ricadute».