mercoledì, Luglio 24, 2024
HomeManifestazioniDuecentomila bocche pronte al riso
Venti giorni di gastronomia, spettacolo, sport, musica e cultura per la 34ª Fiera del vialone nano veronese igp

Duecentomila bocche pronte al riso

Isola della ScalaVenti giorni di iniziative gastronomiche, culturali, sportive e musicali per celebrare la ricchezza di Isola della Scala: il vialone nano. La 34ª Fiera del riso prenderà il via martedì 19 settembre con la serata conclusiva del quarto concorso «Risotto d’oro», e si concluderà domenica 8 ottobre con la messa in scena dell’antica trebbiatura. Fra queste due date i volontari al lavoro nei vari chioschi gastronomici, sforneranno almeno 200 mila risotti «all’isolana». Il calendario delle manifestazioni è stato presentato ieri in Provincia dall’assessore provinciale all’Agricoltura, Albino Pezzini, dell’assessore alle Manifestazioni di Isola della Scala, Stefano Giordani, e dal presidente del Consorzio di tutela del riso vialone nano veronese di indicazione geografica protetta (Igp), Ernesto Artegiani. «La fiera del riso di Isola della Scala», ha esordito Pezzini, «rappresenta una grossa opportunità per far conoscere un prodotto tipico coltivato in un territorio che comprende 24 comuni. È un’occasione per promuovere, turisticamente ed economicamente, la zona del basso Veronese». Il presidente del Consorzio di tutela, Artegiani, ha posto l’accento sull’importante concorso «Risotto d’oro» cui hanno aderito 35 ristoranti che si sono cimentati nella preparazione di piatti a base di vialone nano prodotto da riserie associate al Consorzio. Nella serata del 19, a villa Boschi, una giuria di specialisti e una popolare, della quale faranno parte anche i 24 sindaci del comprensorio, sceglieranno il risotto vincitore fra i cinque finalisti. Gianmaria Melotti, ideatore del concorso, spiega: «La gara culinaria dura da quattro mesi. Sono esclusi per dovere di ospitalità, i ristoratori di Isola della Scala. Non solo valorizza e stimola la professionalità degli operatori del Basso Veronese ma incentiva la collaborazione fra i Comuni». Per la gioia dei buongustai, le ricette vincitrici dei quattro concorsi saranno pubblicate in un volumetto. L’anno scorso in fiera furono distribuiti ben 200 mila risotti all’isolana. «Ma il nostro obiettivo», ha aggiunto Giordani, «oltre che far conoscere il nostro riso tipico alla grande massa, all’interno dei tradizionali padiglioni di Pra’ Piganzo, è anche quello di dare un’immagine nuova del nostro prodotto, con piatti particolari serviti in modo elegante e alternativo in Palazzo Rebotti». Un appuntamento particolarmente significativo sarà quello del 2 ottobre, con la «Fiera di solidarietà e condivisione». Il ricavato della vendita dei risotti di quella sera sarà devoluto al progetto «Il cedro», che consiste nella ristrutturazione di un ex stabile dell’Ulss in casa di accoglienza per disabili, gestita insieme dalla cooperativa locale «La Scintilla» e dall’associazione di Dossobuono «La Piccola Fraternità». Enrico Santi

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video