Riva festeggia i duecento anni di don Angelo Confalonieri

Di Redazione

In occa­sione del 200° anniver­sario del­la nasci­ta di don Ange­lo Con­falonieri, mis­sion­ario rivano che fu fra gli abori­geni d’Aus­tralia alla metà del­l’Ot­to­cen­to, si svolge saba­to 8 giug­no un incon­tro pub­bli­co all’au­di­to­ri­um del a Riva del Gar­da.

Ange­lo Con­falonieri, nato a Riva del Gar­da il 13 giug­no 1813, nel­la sua pur breve vita ha scrit­to una pag­i­na impor­tante nel­la sto­ria dei con­tat­ti fra la cul­tura euro­pea e quel­la degli abori­geni d’Aus­tralia, ded­i­can­do la pro­pria vita alle popo­lazioni abori­gene e alla loro evan­ge­liz­zazione, attiv­ità con­dot­ta nel pro­fon­do rispet­to del­l’al­tro. Ed è per questo moti­vo che il comune di Riva gli ded­i­ca quest’an­no un incon­tro aper­to a tut­ti in cui inter­ver­ran­no molte autorità ed esper­ti.

don Confalonieri

L’in­con­tro si apre, infat­ti, con il salu­to del sin­da­co e del­l’asses­sore alla cul­tura Maria Flavia Brunel­li e pros­egue con l’arcivesco­vo di Ten­to mon­sign­or Lui­gi Bres­san che par­la di «Don Con­falonieri e il clero mis­sion­ario trenti­no»; a seguire Mau­r­izio Dal­la Ser­ra sul tema «Ange­lo Con­falonieri in Trenti­no» e Rolan­do Pizzi­ni su «Ange­lo Con­falonieri in Aus­tralia»; infine, Ele­na Franchi trat­ta di «Con­falonieri e gli indi­geni: oltre il dial­o­go».

L’even­to ter­mi­na alle 21.00 nel cor­tile del­la Roc­ca con la visione del­la per­for­mance di dan­za del­la com­pag­nia Danse Ate­lier «Nel tem­po del sog­no», ispi­ra­ta all’omon­i­mo roman­zo di Rolan­do Pizzi­ni.