Viaggiare ai tempi del coronavirus: 5 cose da sapere 

22/07/2020 in Attualità, Turismo
Di Redazione

La crisi epi­demi­o­log­i­ca da coro­n­avirus che ha col­pi­to il mon­do intero ha riv­o­luzion­a­to poco alla vol­ta ogni nos­tra abi­tu­dine: anche viag­gia­re non sarà più esat­ta­mente come lo ricor­dava­mo. Le vacanze e gli sposta­men­ti nel­l’es­tate 2020 dovran­no essere accom­pa­g­nati da qualche pre­cauzione più. Ecco 5 infor­mazioni da conoscere, pri­ma di par­tire, for­nite da SOStariffe.it.

Estate è sinon­i­mo di viag­gi. Dopo il lun­go lock­down e la lenta ripresa, tra atten­zione più alta all’igiene e allerte per i nuovi foco­lai, gli ital­iani si prepara­no alle prime parten­ze dopo aver affronta­to l’e­mer­gen­za coro­n­avirus.

Con l’aper­tu­ra di un numero sem­pre mag­giore di con­fi­ni fra gli Sta­ti, in par­ti­co­lare del­lo spazio europeo, par­tire nelle prossime set­ti­mane, o nei prossi­mi mesi, sarà di cer­to una pos­si­bil­ità: quest’an­no, però, bisogn­erà met­tere in vali­gia qual­cosa di diver­so.

Oltre alle mascher­ine e all’im­man­ca­bile gel per le mani, il buon­sen­so da solo non bas­ta per garan­tire a tut­ti una vacan­za ser­e­na. Ecco allo­ra 5 infor­mazioni essen­ziali, da conoscere pri­ma di par­tire e da portare con sé quan­do si viag­gia, che SOStariffe.it ha mes­so insieme per voi.

Gli indis­pens­abili: mascher­ine, gel e atten­ti alla tem­per­atu­ra cor­porea

Se un tem­po andare in vacan­za sig­nifi­ca­va sem­plice­mente stac­care i pen­sieri e dimen­ti­car­si di tut­to, viag­gia­re rimar­rà un’es­pe­rien­za piacev­ole, ma che non potrà essere affronta­ta con totale leg­gerez­za. Le norme igien­i­co-san­i­tarie, che sono diven­tate la nor­mal­ità in questi mesi, dovran­no diventare il mantra di tut­ta la vacan­za.

Ecco per­ché è impor­tan­tis­si­mo tenere sem­pre a por­ta­ta di mano un paio di mascher­ine e del gel igi­en­iz­zante, da uti­liz­zare nel caso in cui non si avesse la pos­si­bil­ità di lavar­si le mani. Oltre ai clas­si­ci far­ma­ci gener­i­ci e a quel­lo che è di soli­to con­tenu­to in una cas­set­ta del pron­to soc­cor­so, sarebbe molto utile dotar­si di un ter­mometro.

Si ricor­da, infat­ti, che nel caso in cui si avesse la tem­per­atu­ra cor­porea supe­ri­ore ai 37,5° si dovrebbe evitare di viag­gia­re ed even­tual­mente fare un tam­pone per ver­i­fi­care di non aver con­trat­to il coro­n­avirus. In caso di pos­i­tiv­ità, scat­terebbe l’ob­bli­go di quar­an­te­na e il divi­eto asso­lu­to di spostar­si fino al momen­to in cui si risul­terà neg­a­tivi al virus.

Orga­niz­zare un viag­gio in macchi­na: atten­zione ai divi­eti per i non con­giun­ti

Con­sid­er­a­ta l’ec­cezion­al­ità del­la situ­azione che carat­ter­izzerà molto prob­a­bil­mente tut­to il 2020, gli ital­iani che stan­no piani­f­i­can­do una parten­za in macchi­na sono in numero mag­giore rispet­to agli stan­dard degli anni prece­den­ti, quan­do per ampie dis­tanze il mez­zo di trasporto prefer­i­to dai più era, sen­za dub­bio, l’aereo.

La fase 3 ha rap­p­re­sen­ta­to la fine delle ultime restrizioni rel­a­tive agli sposta­men­ti tra una Regione e l’al­tra e il tur­is­mo di prossim­ità sarà di cer­to un trend del­l’es­tate 2020. Quali sono dunque le regole da rispettare durante gli sposta­men­ti in macchi­na?

Se i sogget­ti che viag­giano insieme in macchi­na sono tut­ti con­viven­ti, allo­ra non ci saran­no lim­i­ti o posti da rispettare, ma ci si potrà sedere lib­era­mente l’uno accan­to all’al­tro e la masche­ri­na non sarà obbli­ga­to­ria. Il dis­cor­so cam­bia nel caso in cui si viag­giasse con sogget­ti non con­viven­ti, come per esem­pio con i pro­pri ami­ci.

In tale ipote­si, si dovrebbe indos­sare obbli­ga­to­ri­a­mente la masche­ri­na, bisognerebbe stare a un metro di dis­tan­za l’uno dal­l’al­tro e ci si dovrebbe sedere nei sedili pos­te­ri­ori, las­cian­do libero quel­lo cen­trale. Il con­du­cente non dovrà avere nes­suno accan­to: ciò sig­nifi­ca che in una macchi­na da 5 potran­no viag­gia­re soltan­to 3 passeg­geri.

Nel caso in cui si viag­giasse su una vet­tura a 7 posti, sarebbe ovvi­a­mente pos­si­bile par­tire con un numero mag­giore di sogget­ti non con­viven­ti. Da notare, inoltre, che alcune regioni (Vene­to, Lig­uria, Emil­ia-Romagna, Puglia) han­no fis­sato delle mis­ure meno restrit­tive, per­me­t­ten­do l’occupazione di tut­ti i posti del­la vet­tura anche tra per­sone con­viven­ti. Res­ta l’obbligo di indos­sare la masche­ri­na in pre­sen­za di queste eccezioni.

Viag­gia­re in treno o in aereo: atten­zione alle regole

Cosa cam­bia per chi decide di spostar­si in treno o in aereo? La mis­urazione del­la tem­per­atu­ra è obbli­ga­to­ria in entram­bi i casi: qualo­ra fos­se supe­ri­ore ai 37,5°, non sarebbe pos­si­bile pren­dere né il treno né l’aereo.

Sui viag­gi in treno a lun­ga per­cor­ren­za sarà disponi­bile anche il servizio di ris­torazione: la con­seg­na avver­rà sul pos­to, in con­fezioni sig­illate e mon­o­dose. A bor­do dei treni saran­no pre­sen­ti dis­penser di dis­in­fet­tan­ti e si dovrà indos­sare la masche­ri­na.

L’obbli­go di man­tenere la dis­tan­za di un metro, las­cian­do un pos­to libero accan­to ad un pos­to occu­pa­to, decade in pre­sen­za di alcune con­dizioni ben pre­cise. Tut­ti i posti saran­no occu­pa­bili nel caso in cui le sedute non pre­senti­no una dis­tribuzione “fac­cia a fac­cia”. È, inoltre, nec­es­saria la pre­sen­za ricam­bio costante dell’aria, sia tramite un sis­tema di cli­ma­tiz­zazione che tramite l’apertura peri­od­i­ca delle porte.

Su alcu­ni treni region­ali, in base alle dis­po­sizioni locali, è pos­si­bile occu­pare tut­ti i posti a sedere e, in alcu­ni casi, anche viag­gia­re in pie­di. Res­ta sem­pre l’obbligo del­la masche­ri­na. Mascher­ine obbli­ga­to­rie per tut­ta la dura­ta del viag­gio anche in aereo, dove dovran­no essere cam­bi­ate ogni 4 ore.  È nuo­va­mente pos­si­bile portare il trol­ley in cab­i­na, come bagaglio a mano, rispet­tan­do le con­dizioni fis­sate dal­la com­pag­nia aerea.

Sarà nec­es­sario com­pi­lare un’au­to­cer­ti­fi­cazione pri­ma di salire sul volo nel­la quale ven­gono messe nero su bian­co le pro­prie con­dizioni di salute e si indi­ca l’ind­i­riz­zo nel quale ci si sta recan­do, per pot­er essere ricon­tat­tati in caso di neces­sità.

Viag­gia­re all’es­tero: si può fare?

Se il tur­is­mo di prossim­ità sem­bra facil­mente prat­i­ca­bile, che ne sarà per i viag­gi all’es­tero? Fon­da­men­tal­mente, le regole riman­gono più o meno le stesse, in par­ti­co­lar modo per chi si spos­ta in aereo.

Dal 15 giug­no sono pos­si­bili gli sposta­men­ti per tut­ti i Pae­si europei del­l’area Schen­gen, men­tre per il resto dei Pae­si del mon­do è sta­ta momen­tanea­mente sti­la­ta una lista verde di Pae­si ver­so i quali si può viag­gia­re, ovvero Alge­ria, Aus­tralia, Cana­da, Geor­gia, Giap­pone, Maroc­co, Nuo­va Zelan­da, Ruan­da, Corea del Sud, Thai­lan­dia, Tunisia e Uruguay.

Ad ogni modo, si con­siglia di con­sultare il por­tale Re-open EU, per essere sem­pre aggior­nati sulle infor­mazioni riguardan­ti l’U­nione euro­pea, e il por­tale Viag­gia­re sicuri, per rice­vere notizie in tem­po reale sul­la situ­azione riguardante il resto dei Pae­si del mon­do. L’elenco dei Pae­si in cui è con­sen­ti­to viag­gia­re o per cui sono pre­viste mis­ure restrit­tive può essere aggior­na­to su base quo­tid­i­ana.

L’as­si­cu­razione viag­gi

Infine, un ele­men­to che non può asso­lu­ta­mente man­care pri­ma di par­tire con­siste nel­la ricer­ca e nel­la sot­to­scrizione di un’assi­cu­razione viag­gi, pos­si­bil­mente una che inclu­da una cop­er­tu­ra covid: non si trat­ta di una tradizionale poliz­za assi­cu­ra­ti­va con mera cop­er­tu­ra per malat­tie improvvise e infor­tu­ni.

Si trat­ta di un’as­si­cu­razione che com­prende l’as­sis­ten­za med­ica illim­i­ta­ta, la con­sulen­za med­ica online disponi­bile h24, il rim­pa­trio san­i­tario e il rien­tro antic­i­pa­to se nec­es­sario, la quale non prevede lim­i­ti di età e che si con­siglia di atti­vare sia per i viag­gi bre­vi sia per quel­li più lunghi e a mag­giore dis­tan­za dal­l’I­talia.

In tal sen­so, il com­pra­tore di assi­cu­razioni online di SOStariffe.it, disponi­bile anche in ver­sione mobile gra­zie all’appli­cazione scar­i­ca­bile gratis da iOS e Android store, è lo stru­men­to ide­ale per trovare la poliz­za assi­cu­ra­ti­va con cop­er­tu­ra covid più con­ve­niente tra le tante.