domenica, Giugno 16, 2024
HomeAttualitàAdozioni a distanza
Quei bambini aspettano aiuto. Iniziativa della parrocchia del Duomo

Adozioni a distanza

La parrocchia del Duomo di Desenzano, il cui parroco è Gianni Pasetto, coadiuvato dai parrocchiani, ha pensato in questo periodo di quaresima di dare un segno forte e concreto, aderendo alla proposta e sostenere il progetto della «Creche S. Ursula», avviato dalle suore Orsoline in Brasile: quello di adottare a distanza un bambino. «È una importante gara di generosità che tutti possiamo vincere. Chi ha bisogno di essere adottato? Chi non ha i genitori, chi è abbandonato, chi manca del necessario per vivere, nutrirsi, curarsi, andare a scuola», dicono gli organizzatori. Sottolinea don Pasetto: «I bambini sono le prime vittime di malattie, guerre, carestie, calamità, povertà ed emarginazione….». In alcuni Paesi del sud del mondo la mortalità infantile supera il 20% dei nati vivi (in Italia è lo 0,5%). Secondo l’Unicef, negli ultimi dieci anni 2 milioni sono i bambini uccisi, quasi 5 milioni quelli disabili, 12 milioni quelli rifugiati e sfollati, 1 milione gli orfani e i bambini strappati ai loro genitori, 10 milioni hanno traumi psicologici, spesso dovuti alle guerre e solo nel 2000 sono morti più di 10 milioni di bambini con meno di cinque anni. Soli o con i genitori, la maggior parte dei bambini che muoiono durante le guerre non è stata colpita da bombe o proiettili, ma ha dovuto soccombere per la fame e le malattie: 330.000 bambini in Angola e altri 490.000 in Monzambico, nel periodo compreso tra il 1980 e il 1988. I dieci anni di occupazione sovietica in Afghanistan hanno lasciato in eredità più di 6 milioni di profughi. I successivi conflitti hanno consegnato alle popolazioni afgane 10 milioni di mine, che uccidono i bambini al ritmo di 25 ogni giorno. «Attenzione – ribadisce don Pasetto – la povertà sta aumentando anche nei paesi ricchi, in Italia un bambino su sei è povero (nel sud il 25% dei bambini sino a 13 anni). I figli degli immigrati hanno una mortalità infantile tre volte superiore ai figli di italiani». Per qualsiasi informazione è possibile contattare suor Caterina al Mericianum di Desenzano tel. 030 9120356.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video