venerdì, Luglio 19, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiAiuti economici per ristrutturare
La Comunità montana Parco Alto Garda ha deciso di dare una mano ai piccoli imprenditori di ogni genere, intervenendo per abbattere i tassi di Interesse sui prestiti che verranno richiesti da alcune categorie produttive.

Aiuti economici per ristrutturare

La Comunità montana Parco Alto Garda ha deciso di dare una mano ai piccoli imprenditori di ogni genere, intervenendo per abbattere i tassi di Interesse sui prestiti che verranno richiesti da alcune categorie produttive: imprese agricole, artigianali, commerciali e operatori turistici. Ma anche i privati cittadini potrebbero accedere a questa facilitazione, solo, però, se intendessero costruire o ristrutturare la prima abitazione.La Comunità Parco stessa ha infatti inserito nel bi-lancio di quest’anno uno stanziamento di duecento milioni, e ha, in questa direzione, sottoscritto una convenzione con alcune banche che operano sul territorio: Credito cooperativo di Bedizzole e Turano Valvestino, Cassa rurale di Arco, Banca popolare di Sondrio, Banco di Brescia e Credito cooperativo dei Colli morenici.L’importo del prestito potrà andare dei 20 ai 100 milioni per ogni beneficiario, e la Comunità interverrà coprendo il 50 per cento degli interessi. Mettendo sul tappeto un po’ di eure, vediamo che l’ammontare degli interessi varia innanzitutto in base alla finalizzazione del prestito, che può essere chiesto per uso abitativo (costruzione o ristrutturazione della prima casa, con un tempo massimo di 120 mesi per la restituzione), oppure per attività produttive (60 mesi di tempo per rendere denaro e interessi).E una ulteriore variabile viene determinata dalla rateizzazione (trimestrale o mensile) ehe viene scelta per la restituzione del prestito. L’interesse da restituire (da aggiungere, naturalmente, alla quota del capitale) viene fissato considerando l’Euribor (che è l’ex tasso interbancario) e aggiungendovi un ulteriore 1.50 per cento di Interesse se si tratta di una casa, o 1’1.75 per cento se si tratta di una attività produttiva. In questo momento l’Euri-bor e al 4 per cento per una eventuale rateizzazione trimestrale (qualcosa in meno per la formula mensile). Quindi, la cifra totale dell’Interesse da restituire da parte del privato andrebbe a collocarsi tra il 5.50 e il 5.75 per cento: su questa cifra la Comunità potrà intervenire fino al 50 per cento.C’è da aggiungere che l’Euribor è variabile e subisce, di conseguenza, aggiornamenti. La priorità nel sostegno all’abbattimento degli interessi verrà data a giovani imprenditori, o a coloro che intendono intervenire sulla prima casa e che hanno meno di 40 anni; poi a imprenditori agricoli, coltivatori diretti e artigiani, commercianti e operatori turistici in zone fortemente svantaggiate (Magasa, Valvestino, Costa di Gargnano).Quindi a imprese agricole, artigianali e commerciali di nuova costituzione, ehe hanno avviato la loro attività nel ’99 in nuclei abitati con meno di 500 abitanti (in pratica quasi tutti i paesini alto-gardesani non a lago).Tra le priorità che vengo-no riconosciute figurerà anche l’area geografica di appartenenza e lo svantaggio che la caratterizza (favoriti negli aiuti sono i residenti nelle aree montane, seguiti da chi abita in quelle intermedie, per chiudere con chi vive sulla sponda del lago o quasi).Sono ammessi interventi per l’ammodernamento o l’ampliamento di strutture e infrastrutture aziendali, investimenti in macchinari, attrezzature e immobili strumentali con priorità per l’innovazione tecnologica. E per finire per l’adeguamento alle norme igienico sanitarie e di sicurezza.Per la presentazione delle domande c’è tempo fino al prossimo 9 giugno: si rice-vono nella sede della Comunità Montana Parco, in via Oliva 32 a Villa di Gargnano. Altre informazioni telefonando all’ufficio Agricoltura (allo 0365-71449). -Come fare per ottenere i finanziamenti.-Le domande per potere accedere ai contributi offerti dalla Comunità Montana Parco Alto Garda, ehe come dicevamo serviranno a dimezzare il costo degli interessi sui prestiti bancari, devono essere presentate su uno stampato già predisposto dall’ente comprensoriale, ehe può essere ritirato nell’ufficio Agricoltura della comunità, nella sede di Villa di Gargnano.Tutte le richieste verranno quindi istruite dall’ufficio stesso, e quelle ehe otterranno il via libera; dei funzionari verranno inserite in una graduatoria.I finanziamenti saranno condizionati dalla disponibilità economica, che per questa prima edizione dell’iniziativa raggiunge i duecento milioni.Resta comunque indispensabile l’accensione di un mutuo contratto con uno dei cinque istituti bancari che hanno sottoscritto l’accordo finanziario con la Comunità montana.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video