domenica, Giugno 16, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiAl via i lavori ai castelli
Pronto il contributo della Fondazione Cariplo La spesa complessiva per gli interventi è di oltre 13 miliardi A Cavriana il progetto di restauro più urgente

Al via i lavori ai castelli

Saranno tre, come già previsto nell’accordo stipulato tra le amministrazioni comunali dei diversi paesi, i castelli interessati ai primi lavori di consolidamento nell’ambito del progetto finanziato dalla Fondazione Cariplo. Si tratta delle cinte murarie di Cavriana e Castiglione delle Stiviere e della piazza che sorge sotto la Rocca di Solferino.Nonostante la prima tranche del contributo, che complessivamente, negli anni, raggiungerà la cifra di 13 miliardi e mezzo, sia stata di 2 miliardi, ossia inferiore alla previsioni, sindaci e assessori dei comuni morenici hanno deciso di procedere ugualmente con tre interventi. Lo hanno stabilito in una riunione operativa i rappresentanti di Castiglione, Solferino, Cavriana, Volta, Monzambano e Ponti. Potranno quindi essere subito redatti i progetti esecutivi, e di conseguenza partiranno i lavori. Urgenti le opere a Cavriana, dove il castello ha problemi di stabilità, mentre nella cittadina di San Luigi si procederà al consolidamento delle mura.Per questi due comuni, vista l’erogazione di soli 2 miliardi, si è leggermente ridotta la cifra disponibile. Nessun taglio invece per Solferino: trattandosi della riqualificazione di una piazza, denominata Castello, non è stato possibile frazionare i lavori. Positivi i commenti degli amministratori, che hanno deciso di destinare la prossima tranche della Cariplo agli altri tre paesi per ora esclusi. «Si è innescato un circolo virtuoso – ha detto il vice sindaco castiglionese, Bertoli -. Da sottolineare la sintonia tra i comuni dell’Alto Mantovano ed il valore culturale e turistico dell’operazione». Soddisfatto anche l’assessore all’Urbanistica di Solferino, Germano Bignotti: «Per noi è un passaggio molto importante. La sistemazione di piazza Castello era già inserita nel piano delle opere pubbliche del 2001, e questi 750 milioni a fondo perduto sono un notevole contributo al nostro bilancio». Ora ci sono due anni per utilizzare i soldi e chiedere il rimborso alla Fondazione, mentre la seconda tranche potrebbe arrivare fra meno di un anno.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video