domenica, Giugno 16, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiAvrà più di cento posti letto
La casa di riposo privata fa un altro passo avanti Sì agli espropri dei terreni

Avrà più di cento posti letto

Procede a piccoli passi l’iter per la realizzazione di due nuove strutture residenziali per anziani. Da un lato un’impresa sta cercando di ottenere un terreno idoneo per realizzare una casa di riposo privata, dall’altro amministrazione comunale e Zanetti-Cominelli stanno valutando la possibilità di costruire una nuova sede per l’ente geriatrico pubblico. Sul fronte privato, l’area individuata per una Rsa è quella compresa tra le scuole elementari di San Pietro, l’attiguo convento e la via che porta a Lonato.Si tratta di una superficie di 16 mila metri quadrati, già urbanisticamente pronta per ospitare una struttura per la terza età, abbastanza vicina al centro storico e addirittura più ampia del necessario.Per ora la giunta, come confermato dall’assessore Azzoni, ha provveduto ad avviare le procedure per l’esproprio dell’area, fatta salva la possibilità per i proprietari di giungere ad una compravendita bonaria. La Rsa privata che vi sorgerebbe, con più di 100 posti letto, utilizzerebbe poco meno di 9 mila metri quadrati di superficie, lasciando un’ampia fetta di terreno a disposizione di una struttura geriatrica pubblica. Comune e Zanetti-Cominelli, infatti, stanno valutando la possibilità di insediare in quella zona anche l’ente pubblico, magari sfruttando le aree esterne insieme alla privata, per esempio il parco. Per quanto riguarda la casa di riposo che ora ha sede in via Garibaldi, non c’è ancora nulla di certo, soprattutto perché, a differenza dell’impresa privata, in questo caso bisognerebbe reperire sostanziosi finanziamenti e le procedure sarebbero comunque molto lunghe. Al momento la Zanetti-Cominelli ha preferito deliberare l’ampliamento del suo stabile in centro storico, con 700 milioni di lavori per creare spazi comuni adeguati all’utenza ospitata. Inoltre l’ente gestirà a breve pure il Centro diurno integrato di via Ordanino, di proprietà comunale. Fra un paio d’anni le nuove normative regionali potrebbero imporre alla struttura pubblica un taglio dei posti letto: in tal caso, la casa di riposo privata sorta nel frattempo avrebbe la possibilità di colmare il deficit alberghiero venutosi a creare.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video