giovedì, Giugno 13, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiCominciata la 35ª fiera del riso Vuol battere il suo stesso record
ISOLA DELLA SCALA. La sfida è superare i 200 mila piatti di vialone nano serviti lo scorso anno

Cominciata la 35ª fiera del riso Vuol battere il suo stesso record

Taglio del nastro per la trentacinquesima Fiera del riso. Dopo i tre concorsi gastronomici e il Gran galà che l’hanno preannunciata nella cornice settecentesca di villa Boschi, la manifestazione è entrata nel vivo spostandosi sull’area fieristica del Prà del Piganzo, dove è stata inaugurata, con l’accompagnamento del complesso bandistico scaligero, dal sindaco Liana Montalto. “La fiera è cresciuta negli ultimi anni arrivando ad altissimi livelli”, ha detto il primo cittadino insediatosi nel maggio scorso, “e dietro questo risultato c’è il lavoro dell’Amministrazione uscente. C’è forse tanto da migliorare, ma la manifestazione porta in paese tanti visitatori e, mi auguro, un risvolto non solo di tipo economico ma anche in termini di rapporti con il territorio”. Un ringraziamento è stato rivolto a quanti hanno lavorato e lavoreranno per la buona riuscita della fiera dall’assessore alle manifestazioni Alberto Fenzi, e un augurio di successo dal presidente della Pro loco Gabriele Ferron e dall’abate don Gianni Ballarini. Con l’inaugurazione e l’apertura degli stand per la degustazione dei risotti è incominciata la festa popolare che ha fatto diventare famoso il piatto tipico locale e che punta a battere il record dei 200 mila risotti venduti e consumati lo scorso anno. E che fa conoscere anche i risotti che partecipano ai concorsi. Le giurie presiedute da Giorgio Gioco, hanno attribuito la vittoria della “Spiga d’oro”, sfida tra ristoranti locali per il miglior risotto all’isolana, alla Risosteria Biffi, e del “Chicco d’oro”, concorso nazionale per piatti a base di vialone nano veronese, alla Valle d’Aosta. Il piatto vincitore, filetti di triglia alle olive taggiasche e pomodori secchi con pilaf di vialone nano veronese alle verdure, preparato dallo chef Francesco Liguori, è stato premiato nella serata di gala. Una menzione speciale “per l’alta valorizzazione e originalità dei piatti” è andata alla cialda al riso vialone nano veronese e zucchero di canna con semifreddo alle noci caramellate, salsa di fichi rossi, rhum, dello chef Andrea Galli del ristorante Emilia e Carlo di Milano; e al calamaro ripieno di riso e cacio fresco dello chef Urso Maurizio del grand hotel Villa Politi di Siracusa. Premiato anche il vincitore del concorso “Miglior risaia”, Laura Bigliardi di Nogarole Rocca.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video