sabato, Febbraio 24, 2024
HomeManifestazioniCon le maglie dei campioni si scaveranno pozzi in Africa
Un successo e tanti vip alla serata benefica del «Sesto Senso»

Con le maglie dei campioni si scaveranno pozzi in Africa

L'assegno per costruire un pozzo è già staccato. Per gli altri tre la raccolta di fondi sta procedendo a gonfie vele, almeno da quanto si è visto venerdì nel corso della serata mondana svoltasi al Club di Desenzano, che ha attirato personaggi dello sport, dello spettacolo e dell'arte. La campagna di solidarietà lanciata da Idris Sanneh (con il patrocinio del Comune di Brescia e del locale gardesano) per la realizzazione di quattro pozzi idrici nel Senegal non è più un sogno. Sembrava di essere tornati indietro di un ventennio quando cioè il disco-night gardesano era nella top-ten dei migliori locali italiani quanto a vip e a occasioni mondane, che si succedevano in numero impressionante. La lunga notte del Sesto Senso è stata illuminata dalle telecamere di «Verissimo», striscia pomeridiana di Canale 5, e da quelle della concorrente «Vita in diretta» in onda su Raidue. Perché di ospiti ce n'erano davvero tanti. Le più gettonate, le veline di «Striscia la notizia», ovvero Giorgia Palmas ed Elena Barolo, poi Eleonora Vallone, Gino Corioni, presidente del Brescia, Bruno Abbate, costruttore delle omonime barche da diporto, il vicepresidente della Provincia di Vicenza, Giuliana Fontanella, Antonio Prando, presidente dei Giovani Industriali di Vicenza, poi artisti e pittori (in scena anche l'appuntamento con l'arte con i pittori Dall'Olio e Brescianini) e industriali. Mattatore della serata è stato comunque Idris che, con la sua verve, ha saputo calamitare l'attenzione dei presenti su un tema tanto drammatico: quello della siccità in Africa, e in particolare nel Senegal. Dove, dicevamo, la costruzione dei quattro pozzi non appare più una chimera. La vendita delle maglie di alcuni tra i più grandi giocatori italiani ha totalizzato, come si immaginava, un eccellente introito. Con un'improvvisata asta, Idris ha messo nel salvadanaio parecchie migliaia di euro, grazie alle magliette donate da Del Piero, Vialli, Vieri, Inzaghi e altre star del pallone. Ottimo anche il lavoro fatto da Giuliana Fontanella, che da Vicenza è riuscita a garantire l'investimento di un pozzo. Non sono stati da meno, però, neppure Mandolini Auto di Brescia, lo stesso Corioni ed Emilio Gnutti, che hanno offerto significativi contributi, al pari della e di Lombardia Impianti (quest'ultima ha donato apparecchiature e generatori). L'elenco si è allungato poi con il , Zenato, Leo Club, Nuovo Cavallino di Brescia e La Borsa di Valeggio.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video