sabato, Giugno 22, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiDa una sponda all'altra guardando il Garda
Soddisfatto (la struttura è stata consegnata con tre mesi di anticipo) il sindaco Parolari lancia la "gara" per il nome Inaugurato a Torbole il nuovo ponte ciclopedonale sul fiume Sarca

Da una sponda all’altra guardando il Garda

Grande soddisfazione mercoledì sera per l’inaugurazione del ponte ciclopedonabile sul Sarca, con molte autorità presenti. Soddisfazione per l’amministrazione comunale di Nago-Torbole ma anche per i tanti cittadini, turisti ed operatori economici, accorsi per vedere finalmente completato il percorso che permette di costeggiare il lago da Riva a Torbole. “Questo ponte è per noi un sogno diventato realtà – ha commentato il Sindaco Giuseppe Parolari – è il completamento di un lavoro iniziato con le nuove spiagge e piste ciclopedonali e che oggi si conclude con questa struttura che congiunge idealmente l’Europa delle Alpi, da cui viene l’acqua sotto di noi, con la prima fetta di Mediterraneo che si incontra in Italia, cioè il Garda.”Dopo aver ringraziato il Servizio ripristino ambientale della Provincia, tutti i tecnici e le imprese “che hanno lavorato con noi in questi anni per rendere bella Nago-Torbole” e l’assessore Iva Berasi, Parolari ha lanciato un “appello” – rivolto a tutti – invitando a proporre un nome significativo da dare al nuovo ponte. La “gara” quindi è aperta.Soddisfazione è stata espressa anche da Iva Berasi, per “aver collaborato con Nago-Torbole alla realizzazione di quest’opera, inserita nel lavoro di costruzione della rete di piste ciclopedonali in tutto il Trentino, oramai arrivate a centinaia di chilometri”. L’ultimo discorso, prima del taglio del nastro, è stato pronunciato dall’architetto Pier Dalrì, dirigente del Servizio ripristino ambientale, che ha sottolineato come “i continui solleciti del Sindaco ci hanno portato a finire l’opera per Ferragosto, con tre mesi di anticipo sulla tabella di marcia, senza alcun costo aggiuntivo. L’acqua che scorre qua sotto ha attraversato molte zone della nostra terra, e in questo senso il ponte – che nonostante la sua apparente leggerezza può portare 1200 persone – è la sintesi ideale di tutti i lavori fatti in Trentino, con la collaborazione tra i Comuni e il Servizio ripristino ambientale.”Alla cerimonia di inaugurazione è seguita la distribuzione di sardene, polenta e vino, offerte dal Comune di Nago-Torbole con lo “staff” del Comitato Manifestazioni. La festa è andata avanti fino a quando il ponte, pecorso da un continuo viavai di persone, si è illuminato per mostrare la sua bellezza anche nelle ore notturne.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video