sabato, Febbraio 24, 2024
HomeAttualitàDepurazione lago: i rischi delle condotte sublacuali. Interviene il Presidente dell’ATS.

Depurazione lago: i rischi delle condotte sublacuali. Interviene il Presidente dell’ATS.

“Quello che è accaduto nel tratto di lago prospiciente Lazise lunedì scorso, costituisce un'ulteriore riprova dell'urgenza e anche della bontà del progetto unitario per la collettazione e del lago, e l' Garda Ambiente che presiedo, su mandato di oltre trenta Sindaci e relativi Consigli Comunali, sta assiduamente operando per reperire i necessari finanziamenti”.

L'obsolescenza delle strutture sublacuali e il crescente carico dei liquami impongono decisioni ed interventi urgenti. L'ATS Garda Ambiente, il cui Comitato di Gestione è composto, oltre che dal Presidente Peretti, dal Vice Presidente , Sindaco  di Salò (Bs), , Sindaco di Padenghe sul Garda (Bs), Tommaso Bertoncelli, Sindaco di Brenzone (Vr) e da Maria , Sindaco di Peschiera d/Garda (Vr), unitamente al Presidente della , ha incontrato nei giorni scorsi i Parlamentari del Garda, ai quali si appella e li sprona per sostenerne l'azione, nei confronti della Presidenza del Consiglio e del Ministero dell'Ambiente.

Il problema – tiene a ribadire Peretti – non ha rilevanza solo locale e interregionale, ma deve interessare la Nazione Italiana e l'Unione Europea. I 50 chilometri cubici di acqua del Garda, il 40% della risorsa idrica dolce disponibile in Italia, costituiscono un patrimonio di immenso valore e una riserva strategica di acqua per l'uso umano per le future generazioni, anche alla luce della sempre minore disponibilità di acqua dolce di qualità nel mondo.

Con il Presidenti di , e , Alberto Tomei, l'ATS sta alacremente operando per presentare un progetto unitario e condiviso da sottoporre al Governo per il necessario finanziamento”.

 

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video