sabato, Giugno 22, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiFascia lago del 2000, chicca da 100 miliardi
La Lido spa ha presentato in pompa magna lo studio-progetto di Cecchetto

Fascia lago del 2000, chicca da 100 miliardi

Sono arrivati davvero tutti, ieri pomeriggio, nell’Auditorium del Comprensorio, per assistere alla presentazione del progetto di riqualificazione della fascia lago redatto dall’architetto Cecchetto. In platea, infatti, accanto ai politici, anch’essi attentissimi, c’erano i rappresentanti di tutte le categorie economiche del basso Sarca. Operatori turistici, imprenditori, liberi professionisti e sindaci, accorsi per conoscere il futuro d’una delle zone più belle non solo della provincia, ma anche d’Italia.Tutti, solitamente occupatissimi e irreperibili, se ne sono stati in silenzio per oltre tre ore, sorbendosi il fiume di parole di chi sedeva sul tavolo dei relatori. Il primo a prendere la parola è stato il primo cittadino Cesare Malossini e, subito dopo, è toccato all’architetto Mauro Malfer, presidente della Lido di Riva spa, società di cui il Comune detiene la maggioranza e proprietaria di parte delle strutture interessate dalla riqualificazione. Malfer ha illustrato la filosofia-guida su cui si basa il progetto. Quindi, è stata la volta del sociologo Nadio Delai, autore della approfondita analisi che ha fornito i dati necessari all’urbanista per “tagliare” le sue idee a misura di Riva. Quando ha iniziato a parlare l’architetto Alberto Cecchetto, il professionista di fama internazionale a cui è stato affidato il compito di curare il “restyling” del territorio compreso tra viale Rovereto e porto San Nicolò, nell’aula è sceso il silenzio più assoluto. Docente alla Ca’ Foscari di Venezia, Cecchetto ha illustrato il cuore del suo progetto, soffermandosi sui passaggi e sulle novità più importanti. Novità che noi abbiamo riassunto negli articoli qui sotto. Alle 16.30 è arrivato anche il presidente della Giunta Provinciale, Lorenzo Dellai, che si è seduto tra gli assessori provinciali Marco Benedetti e Remo Andreolli e ha atteso ben due ore prima di prendere la parola.Lo hanno preceduto Giovanni Zontini, presidente della Palacongressi, e Antonio Miorelli, presidente della Gts, che, da buoni imprenditori, pur apprezzando il progetto, si sono augurati che pubblico e privato lavorino finalmente in sintonia e facendo sì che queste idee (la cui spesa di realizzazione si aggira intorno ai 100 miliardi) non restino, come troppe volte è accaduto in passato, bei progetti nel cassetto. Parole di lode per il lavoro di Cecchetto sono arrivate anche da Andreolli, assessore provinciale all’urbanistica, e da Benedetti, competente per quando riguarda turismo e industria che hanno ambedue garantito l’appoggio di “mamma” Provincia per una rinascita che si rifletterà obbligatoriamente su tutto l’Alto Garda. E alla fine, come era da intuire, è arrivata anche la benedizione di Lorenzo Dellai.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video