giovedì, Giugno 13, 2024
Tremila sacchi di sabbia contro l’acqua alta

Il Garda non scende

Continua l’emergenza acqua alta nella penisola catulliana. Tanto che ieri i volontari del servizio intercomunale della Protezione civile sono intervenuti nella zona di Lugana di Sirmione con l’impiego di idrovore per allontanare l’acqua che minacciava di allargare la sede della strada statale. I livelli del lago si mantengono al di sopra dei 170 centimetri con punte fino a 179, misurate martedì 21 all’asta del porto vecchio di Desenzano. Ieri il Garda oscillava fra 174 e 175 centimetri misurati sopra lo zero idrometrico che si calcola com’è noto a Peschiera. Lo scenario che si presenta ai primi turisti della parte conclusiva dell’anno è assolutamente unico, spesso con onde che si alzano per alcuni metri contro le barriere frangiflutti. A causa di questi livelli il lungolago della penisola che fu cara al poeta latino risulta allagato in molte parti tanto che due tratti sono chiusi al traffico ormai da ben otto giorni. L’acqua ha parzialmente invaso anche il vialone d’ingresso al paese, quello che porta al castello e dunque al centro storico. Fortunatamente non c’è vento che rappresenta ora con l’acqua così alta il principale pericolo per le cittadine rivierasche. Intanto il servizio intercomunale della Protezione civile ha tracciato un primo provvisorio bilancio dell’azione svolta negli ultimi sei giorni, che sono stati particolarmente inpegnativi per l’insieme della struttura di soccorso e di aiuto in caso di calamità naturali. Massimo De Casamassimi che assumerà presto il ruolo di coordinatore ha sintetizzato ieri l’impegno dei volontari. Quelli impegnati sono stati ben 150, si è provveduto a riempire, distribuire e collocare 2.700 sacchetti di sabbia posti a protezione delle zone a rischio. Sono stati percorsi complessivamente dai diversi mezzi ben 4.500 chilometri, che hanno così consentito agli automezzi di essere costantemente operativi, mentre decine e decine sono stati gli interventi per svuotare dall’acqua cantine, magazzini, locali allagati dal lago. Al servizio ha recentemente aderito anche il Comune di Montichiari. Complessivamente in due anni d’attività il servizio ha effettuato circa duemila interventi sul territorio oltre a dare un valido contributo anche nelle emergenze nazionali ed internazionali come in Piemonte, Umbria e Kosovo.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video