sabato, Febbraio 24, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiMessori e Vecchioni uniti dal verde
Costituito un Comitato per la salvaguardia di Maguzzano e dei Barcuzzi

Messori e Vecchioni uniti dal verde

Anche Vittorio Messori scende in campo in difesa del verde di Maguzzano e Barcuzzi a Lonato. È in via di costituzione un comitato che si propone di tutelare – dall'assalto del cemento – i territori che si distendono attorno alla storica di Lonato e anche lo scrittore – che vive a Desenzano, ma recentemente sta anche realizzando un piccolo studiolo proprio all'interno dell'abbazia – vi ha aderito. È stata messa a punto una petizione, sottoscritta da oltre una settantina di persone, che è stata indirizzata, tra gli altri, al sindaco di Lonato, . Parola d'ordine: salviamo il verde di questa zona. «Si tratta di un'iniziativa che deve unire e non dividere – sottolinea Messori – nel nome della difesa di un territorio che è un patrimonio non solo ambientale, ma anche culturale. Si tratta di un comitato che unisce persone di opinioni diverse, ma che si ritrovano sulla necessità di tutelare questa zona che è parte integrante dell'abbazia di Maguzzano e dei suoi mille anni di storia». Vittorio Messori non è l'unico “vip” a schierarsi dalla parte dell'ambiente di Lonato. «Alla nostra iniziativa – spiega Costanza Lunardi di Barcuzzi, giornalista di Gardenia, una delle promotrici – ha aderito, tra gli altri, anche Roberto Vecchioni». Toni piuttosto duri vengono usati dal coordinamento in difesa di Maguzzano e Barcuzzi: «Le caratteristiche paesaggistiche, agricole e naturali di questa parte specifica del territorio di Lonato richiamano immagini del paesaggio toscano. La fascia di colline moreniche è stata brutalmente aggredita con sbancamenti e lottizzazioni violente. Chiediamo all'Amministrazione comunale di Lonato attenzione e rispetto per le zone i interesse naturalistico, agricolo e paesaggistico del suo territorio». L'attuale Amministrazione di Lonato – è stato riferito – su questa zona ha ereditato una situazione precedente rispetto a licenze edilizie già concesse. Per cui presto dovrebbero essere aperti nuovi cantieri. «Noi comunque vigileremo – ha sottolineato Vittorio Messori – con molta attenzione su quanto succederà nel prossimo periodo. Pronti a richiamare continuamente l'attenzione su questo straordinario patrimonio che deve essere salvaguardato».

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video