sabato, Febbraio 24, 2024
HomeAttualità«Troppo lungolago ai campeggi»
Interrogazione del gruppo di minoranza La Piazza per verificare se è rispettato il diritto pubblico all’utilizzo delle spiagge. Il sindaco: «Entro l’anno il piano che ridisegna 7 chilometri di passeggiata»

«Troppo lungolago ai campeggi»

Con un’interrogazione il gruppo consiliare La Piazza chiede al sindaco Renzo Franceschini di verificare l’applicazione del «divieto assoluto di edificazione di volumi mobili e fissi» previsto dalle norme nella «fascia di rispetto che dalla riva del lago penetra per cento metri verso l’interno».«Da anni sosteniamo la mancanza di controllo nella gestione della zona a lago di Lazise», spiega Giovanni Montresor, responsabile politico del gruppo, «questo vale in particolar modo per la presenza dei campeggi che si affacciano sulla costa a sud del capoluogo. In corrispondenza di questi centri turistici la fascia a lago risulta occupata da costruzioni e strutture di servizio funzionali alle loro attività».La situazione, dice Montresor, è stata evidenziata in ogni suo aspetto dal convegno «Governo del territorio per un turismo sostenibile» organizzato proprio a Lazise dal circolo di Legambiente Terre del Garda.«In quel contesto le schede preparate da Edoardo Nolo illustravano il susseguirsi, negli anni, di norme regionali, varianti locali e piani attuativi puntualmente disattesi dalle grandi strutture recettive sul lago. Queste hanno continuato a operare rimanendo in una zona urbanistica non conforme e in teoria non avrebbero dovuto essere autorizzati all’esercizio. Oltretutto», sottolinea il responsabile della Piazza, «invece di liberare hanno sempre più occupato la porzione di zona lago di rispetto assoluto. Il documento presentato in questi giorni non è il primo con il quale sollecitiamo l’amministrazione comunale a intervenire. L’auspicio è che i nostri governanti locali decidano, finalmente, di non restare solo a guardare».L’interrogazione, sottoscritta dai consiglieri Marco Lucchini, Edoardo Nolo, Andrea Manzati e Giulio Rama, chiede l’immediata verifica dello stato di diritto della fascia lacuale ai sensi delle leggi regionali e nazionali in materia di urbanistica e turismo e «Di valutare ogni azione impositiva tendente alla salvaguardia dei diritti della comunità in particolare all’uso pubblico delle spiagge».L’azione intrapresa dalla Piazza dovrebbe essere affiancata da altri interventi sulla vicenda. «Al convegno di Terre del Garda hanno partecipato l’europarlamentare Donata Gottardi e gli onorevoli Antonio Borghesi e Giampaolo Fogliardi. Abbiamo inviato loro copia dell’interrogazione», annuncia Montresor, «e ci risulta che presenteranno istanza sull’ argomento nelle loro sedi istituzionali».Il problema della salvaguardia della riva e del suo utilizzo per la comunità torna al centro del dibattito locale poche settimane dopo la delibera con cui la Giunta ha stanziato 30mila euro per studiare la realizzazione della passeggiata a lago.«Uno dei nostri obiettivi», dice il sindaco Renzo Franceschini, «è quello di concludere, entro l’anno, la stesura del Piano di assetto del territorio. In quest’ottica l’amministrazione vuole includere lo studio particolareggiato per i sette chilometri di passeggiata del territorio».Stanziata la cifra, gli amministratori stanno valutando in questi giorni il nome del tecnico cui affidare a l’incarico. «Si tratta di un progetto complesso. La prima fase sarà quella di redigere un disegno omogeneo che diventi il riferimento per tutti gli attori interessati a quell’area. Predisposto questo progetto, inizieremo la seconda fase di concertazione con i privati per arrivare ai convenzionamenti e dare anche a Lazise la fascia a lago che merita».

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video