giovedì, Maggio 23, 2024
HomeTerritorioBalneabilitàUn lago più pulito che mai
Balneabili 49 spiagge su 52 sponda bresciana: lo confermano le analisi dell’Asl.
Uniche maglie nere il Lido di Lonato, Padenghe e il Torcolo a Manerba

Un lago più pulito che mai

Chi mai avrebbe detto che, con una stagione siccitosa, con i livelli dell’acqua in continua altalena e con così poco «ricambio», il lago di Garda si sarebbe presentato all’apertura della stagione estiva con una qualità delle sue acque di balneazione forse pari a quelle della Sardegna?Eppure è così, il 2007 si apre davvero con un quadro eccellente se è vero che su 52 spiagge passate al setaccio dai tecnici dell’Asl, solo tre saranno chiuse ai bagni per l’intera stagione.E’ il risultato della somma di campionamenti eseguiti lo scorso anno dall’azienda sanitaria, poi elaborati dalla Regione Lombardia la quale, alla vigilia dell’inizio della stagione balneare, decreta ufficialmente l’elenco delle località ammesse ai bagni e quelle, invece, bocciate senza prova d’appello.Sono tre, dicevamo, sul litorale bresciano del Garda a dover indossare la maglia nera: Lonato (centro balneare comunale al lido), Padenghe (località Porto Garuti) e Manerba (lido Torcolo). Se per le due spiagge di Padenghe e Manerba, che possono vantare comunque altri punti incontaminati, non si tratta di una novità perché già da anni si ripete questa bocciatura dovuta anche al fatto che nelle loro vicinanze sono situati dei porti pubblici, per il lido lonatese, invece, si può parlare di un’inattesa tegola.Infatti, questa spiaggia è l’unica presente sul territorio, e questo porrà non pochi problemi e disagi alle migliaia di bagnanti che affollano da sempre l’esteso tratto di arenile compreso tra il Vò e l’ingresso di Padenghe (Santa Giulia). Tra l’altro, ironia della sorte, proprio in questi mesi la cittadina della Rocca ha chiesto insistentemente di mutare la propria denominazione in «Lonato del Garda», tanto da ottenere dal consiglio regionale l’ok a fissare un referendum il cui esito favorevole è già scontato. E ora pretendere che i bagnanti possano starsene delle ore ad arrostirsi sotto il sole senza la possibilità di mettere i piedi in acqua non è il massimo, e sarà davvero dura per i vigili urbani far rispettare il divieto.Lonato a parte, comunque, la situazione della riviera gardesana resta davvero eccellente. Anche Desenzano, che negli anni passati aveva avuto qualche problema, da almeno tre stagioni può issare la sua ideale «bandiera blu».Ma di «Bandiera blu» autentica, cioè europea, assegnata l’altro ieri a Roma dalla Fee, invece può fregiarsi con orgoglio Sirmione, la cui qualità delle acque è davvero ottimale da almeno un decennio.Ottima infine la situazione dell’alto Garda dove i bagni si continuano a fare in assoluta tranquillità da oltre quindici anni.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video