Riconoscimenti del Comune a enti e privati. Libro racconta la Grande Guerra e ne propone gli itinerari

C’è un diploma per chi fa crescere il monte Baldo

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
(but.)

Sala con­sil­iare del Comune stra­col­ma, in occa­sione del­la fes­ta del­la patrona san­ta Cate­ri­na D’Alessandria, per la con­seg­na delle ben­e­meren­ze a per­sone e isti­tuzioni che han­no con­tribuito e con­tribuis­cono alla conoscen­za del monte e del suo ter­ri­to­rio e per la pre­sen­tazione del libro «La Grande Guer­ra sul Monte Bal­do ? Le linee di dife­sa ad oltran­za delle Redutte ? Trincee e itin­er­ari» di Piero De Piero, gen­erale dell’aeronautica a riposo, friu­lano res­i­dente a Verona. Il sin­da­co Pao­lo Rossi, nel ringraziare per la pre­sen­za il con­sigliere regionale Raf­faele Baz­zoni, il pres­i­dente del­la Comu­nità mon­tana del Bal­do Lui­gi Castel­let­ti, i sin­daci di Capri­no, Riv­o­li, Coster­mano, Tor­ri e ammin­is­tra­tori comu­nali di Mal­ce­sine e San Zeno di Mon­tagna, ha sot­to­lin­eato quan­ta impor­tan­za rive­stono la col­lab­o­razione e l’attenzione delle isti­tuzioni agli sforzi del­la comu­nità locale «per impeg­nar­si in dife­sa dell’esistente e rag­giun­gere nuovi tra­guar­di». Dopo gli inter­ven­ti del pres­i­dente Castel­let­ti e del con­sigliere Baz­zoni, il vicesin­da­co Rino Coltri ha dato inizio alla con­seg­na dei diplo­mi, attribuiti a varie per­son­al­ità tra cui il pro­fes­sor Cor­di­oli, pro­fon­do e appas­sion­a­to conosc­i­tore del monte Bal­do, che attra­ver­so una profi­cua col­lab­o­razione attua­ta tra la Cen­tro servizi sco­las­ti­ci ? Uffi­cio edu­cazione fisi­ca, il Cai e il Ctg di Verona, ha per­me­s­so, e per­me­t­terà, di real­iz­zare sog­giorni per migli­a­ia di stu­den­ti, con cor­si e vis­ite all’Orto botan­i­co di Novezzi­na ed escur­sioni cam­mi­nan­do su alcu­ni per­cor­si descrit­ti anche da Piero De Piero nel suo libro; il pro­fes­sor Mau­r­izio Deli­bori appas­sion­a­to stu­dioso, pro­mo­tore e ani­ma­tore del Ctg del Bal­do Gar­da, dei «Quaderni del Bal­do» e del­lo splen­di­do vol­ume su Fer­rara; e alla memo­ria del dot­tor Ange­lo Gelo­di, fonda­tore del Cir­co­lo degli astro­fili verone­si. Sono poi sta­ti insigni­ti di ben­e­meren­ze il Bald­ofes­ti­val, rap­p­re­sen­ta­to dal pres­i­dente Gae­tano Gre­co, il quale ha chiar­i­to che la gio­vane man­i­fes­tazione ha l’obiettivo di accrescere conoscen­za e cul­tura del monte Bal­do abbat­ten­do il con­fine vir­tuale cos­ti­tu­ito dalle province veronese e trenti­na attra­ver­so il coin­vol­gi­men­to e la col­lab­o­razione di tut­ti gli enti e le asso­ci­azioni del ter­ri­to­rio baldense; il Cir­co­lo degli astro­fili verone­si, rap­p­re­sen­ta­to dal pres­i­dente Giuseppe Coghi, che in un futuro ormai prossi­mo potrà gestire l’Osservatorio astro­nom­i­co pub­bli­co in fase di costruzione nei pres­si dell’Orto botan­i­co di Novezzi­na e la Comu­nità mon­tana del Bal­do isti­tui­ta nel 1971 al fine di pro­muo­vere e real­iz­zare, come ha fat­to, opere e inter­ven­ti per il miglio­ra­men­to del­la qual­ità del­la vita e per lo svilup­po cul­tur­ale, civile, sociale ed eco­nom­i­co dei nove comu­ni che rap­p­re­sen­ta. Infine il libro di Piero De Piero, che in 64 agili pagine da leg­gere tutte d’un fia­to riesce a fornire le infor­mazioni essen­ziali sul­lo svol­gi­men­to del­la Grande Guer­ra nei vari teatri e sulle vicende bel­liche che han­no inter­es­sato il monte Bal­do, a ricostru­ire le linee del fronte e la map­pa delle opere di dife­sa mag­giori e minori approntate da ital­iani e aus­triaci, a doc­u­mentare la ter­ri­bile vita di trincea dei sol­dati, e a con­seg­nare al let­tore e a chi volesse appro­fondire sul pos­to itin­er­ari stori­ci inti­to­lati ad alcu­ni repar­ti che han­no oper­a­to nel­la zona di guer­ra mon­te­bal­d­ina. «Un per­cor­so del­la memo­ria», così De Piero ha con­clu­so la pre­sen­tazione del libro «da recu­per­are e da con­seg­nare in par­ti­co­lare ai gio­vani d’oggi cit­ta­di­ni di domani, per un impeg­no costante alla real­iz­zazione di un futuro di pace e di fratel­lan­za tra i popoli».

Parole chiave: -

Commenti

commenti