Dopo la visita di una delegazione a una cantina e in municipio

Desenzano guarda a Oriente: possibile gemellaggio in Cina

Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo
m.to.

in vista tra Desen­zano e una cit­tà del­la Repub­bli­ca Popo­lare Cinese. Nei giorni scor­si il sin­da­co Cino Anel­li ha incon­tra­to una del­egazione cinese for­ma­ta dal Con­sole gen­erale a , Gao Cun Ming, e dal vice­con­sole Niu Xil­ing e, tra i temi trat­tati, c’è sta­to anche quel­lo di un pos­si­bile gemel­lag­gio. La cosa si farà qua­si sicu­ra­mente entro l’es­tate prossi­ma, così almeno assi­cu­ra­no le fonti che han­no dato la notizia. E’ ques­ta la pri­ma visi­ta di un diplo­mati­co cinese in for­ma uffi­ciale a Desen­zano e, prob­a­bil­mente, sul­l’in­tera riv­iera del Gar­da. I due con­soli era­no sta­ti prece­den­te­mente accolti da Fabio Con­ta­to, tito­lare del­l’azien­da vini­co­la Proven­za, di San Mar­ti­no del­la Battaglia. «Mez­z’o­ra pri­ma — rac­con­ta Con­ta­to — ho rice­vu­to una tele­fona­ta che mi pre­an­nun­ci­a­va il loro arri­vo. Più tar­di sono anda­to incon­tro a un’au­to diplo­mat­i­ca del­la Repub­bli­ca Popo­lare Cinese con a bor­do i due ambas­ci­a­tori e il loro segui­to». La ragione di ques­ta visi­ta-lam­po? «Nel­la Repub­bli­ca Popo­lare Cinese — con­tin­ua Con­ta­to — il Lugana ha fat­to brec­cia in parec­chi locali ed alberghi, c’è quin­di grande inter­esse di alcu­ni appa­rati eco­nomi­ci per il nos­tro famoso vino garde­sano. I due diplo­mati­ci han­no chiesto anche le metodolo­gie e le tec­nolo­gie imp­ie­gate per la pro­duzione». Inevitabile, a quel pun­to, una degus­tazione dei pezzi pre­giati del Lugana. Quin­di, nelle prime ore del pomerig­gio i due diplo­mati­ci cine­si con inter­prete al segui­to si sono trasfer­i­ti a palaz­zo Bagat­ta, dove il sin­da­co Anel­li con la Giun­ta al com­ple­to li ha accolti. Ricor­diamo che Desen­zano è già gemel­la­to con Iso­la di Sal, nel­la Repub­bli­ca di Capoverde, e ha un prog­et­to di gemel­lag­gio con due cele­bri stazioni tur­is­tiche del­la Cos­ta Azzur­ra, divenute ormai un’unica realtà: Antibes e Juan les Pins.

Parole chiave: - -