Falìe de càlem — Faville di ciliegi

Di Redazione
Alberto Rigoni - Rigù

I è falìe !
Falìe bianche
a sguandaià’n del celest!

Del filér dei càlemlé’n ban­da a le stradù,
en ven­tesèl
el ròba i fiur:
i fiur bianc dei càlem
fin a postai,
falìe ale­gre,
bianche, lezére,
‘n de l’aria del ciél.

Le vula con­tente
sul del sò bel nà,
brilan­tì bianc
dèn­tèr na pri­maéra
üsa a doprà culur
de sbam­bolà.

Le vulàn del vènt
a fa de sgar­néra,
èn dèn moment,
le sgaria,
spir­i­tuse,
el bir­ulà del temp.


Faville(1) di cilie­gi
Sono fav­ille! /Faville bianche/ a svolaz­zare nel celeste!/
Dal filare dei ciliegi/ lì in parte allo stradone(2),/ un venticello/ ruba i fiori:/i fiori bianchi dei ciliegi/ fin ad appoggiarli,/ fav­ille alle­gre, bianche, leg­gere, / nell’aria del cielo./
Volano contente/ solo del loro bell’andare,/ bril­lan­ti­ni bianchi/ den­tro una primavera/ abit­u­ate ad usare colori/ da imbambolare(3)./
Volano nel vento/ a far da scopa/ e in un momento/ frugano,/ spiritose,/ il roto­lare del tem­po.
Note:
(1) Le falìe nel dialet­to bres­ciano sono preva­len­te­mente riferite ai fioc­chi di neve, anche se ci sono le scin­tille del­lo scop­pi­ettare dei cep­pi sul fuo­co e quelle dei fab­bri nel loro bat­tere e lavo­rare il fer­ro
(2) da quan­do esistono le auto, la stra­da asfal­ta­ta, in dialet­to, è stradù, stradone.
(3) sbam­bolà sign­ficherebbe anche sven­to­lare come nel dialet­to vene­to.

Pri­ma pub­bli­cazione il: 21 April 2020 @ 13:00