sabato, Maggio 25, 2024
HomeRubrichePoesie in Dialetto BrescianoFalìe de càlem - Faville di ciliegi

Falìe de càlem – Faville di ciliegi

I è falìe !
Falìe bianche
a sguandaià’n del celest!

Del filér dei càlemlé’n banda a le stradù,
en ventesèl
el ròba i fiur:
i fiur bianc dei càlem
fin a postai,
falìe alegre,
bianche, lezére,
‘n de l’aria del ciél.

Le vula contente
sul del sò bel nà,
brilantì bianc
dèntèr na primaéra
üsa a doprà culur
de sbambolà.

Le vulàn del vènt
a fa de sgarnéra,
èn dèn moment,
le sgaria,
spirituse,
el birulà del temp.


Faville(1) di ciliegi
Sono faville! /Faville bianche/ a svolazzare nel celeste!/
Dal filare dei ciliegi/ lì in parte allo stradone(2),/ un venticello/ ruba i fiori:/i fiori bianchi dei ciliegi/ fin ad appoggiarli,/ faville allegre, bianche, leggere, / nell’aria del cielo./
Volano contente/ solo del loro bell’andare,/ brillantini bianchi/ dentro una primavera/ abituate ad usare colori/ da imbambolare(3)./
Volano nel vento/ a far da scopa/ e in un momento/ frugano,/ spiritose,/ il rotolare del tempo.
Note:
(1) Le falìe nel dialetto bresciano sono prevalentemente riferite ai fiocchi di neve, anche se ci sono le scintille dello scoppiettare dei ceppi sul fuoco e quelle dei fabbri nel loro battere e lavorare il ferro
(2) da quando esistono le auto, la strada asfaltata, in dialetto, è stradù, stradone.
(3) sbambolà signficherebbe anche sventolare come nel dialetto veneto.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Gnà ‘n fil de vent

Fòja

Dàrder

Piuisnì

Ultime notizie

Ultimi Video