Furto con arresto “parziale”

03/06/2014 in Attualità
Parole chiave:
Di Sergio Bazerla

Due dis­tin­ti sig­nori, un uomo ed una don­na, ben vesti­ti, di gio­vane età, stranieri, ma ladri.

Tut­to è suc­ces­so in un bat­tibaleno poco dopo le 10,30, in piaz­za Vit­to­rio Emanuele 32, nel negozio di abbiglia­men­to ONE WAY. Una delle commesse si rende con­to che qualche cosa non anda­va. I due gio­vani era­no attrat­ti dal­la visione di alcu­ni giub­bi­ni maschili alla moda. Men­tre l’uo­mo lo stac­ca­va dal­la gruc­cia e se lo infila­va sot­to la polo, di larga misura, la ragaz­za face­va da palo. Ma l’oc­chio atten­to delle commesse, messe in allarme da una col­le­ga, han­no dato l’allarme. 

I due sono usci­ti di cor­sa dal negozio, han­no attra­ver­sato come dei ful­mi­ni la piaz­za e si sono infi­lati in via Por­ta del Lion, in direzione del parcheg­gio Mar­ra. Ma le gri­da delle commesse e di alcu­ni pas­san­ti han­no fat­to si che un cit­tadi­no di Lazise, tale L.M. e un tur­ista ital­iano, pren­dessero per le brac­cia la ragaz­za. L’uo­mo ha fat­to in tem­po a met­ter­si in fuga con la mer­ce rubata. 

Da un pri­mo esame delle commesse del negozio l’am­montare del­la mer­ce ruba­ta supera i 1500 euro. La ragaz­za è sta­ta con­seg­na­ta, dopo aver attra­ver­sato la piaz­za prin­ci­pale con lo sch­er­no dei molti tur­isti ital­iani e stranieri pre­sen­ti, ai vig­ili urbani usci­ti dal loro coman­do a segui­to delle gri­da e del­la con­fu­sione venu­tasi a creare.

Ai vig­ili urbani l’ar­resta­ta ha pre­sen­ta­to un pas­s­apor­to ser­bo ma con ogni prob­a­bil­ità non rispon­dente alla vera iden­tità del­la stes­sa. E’ sta­ta quin­di tradot­ta pres­so la caser­ma dei di Lazise per tutte le azioni di legge.

Plau­so e bat­ti­mani da parte dei molti tur­isti pre­sen­ti nel­la piaz­za per l’op­er­azione bril­lante por­ta­ta a ter­mine dai due cit­ta­di­ni che han­no avu­to l’ac­cortez­za di seguire i lesto­fan­ti e di assi­cu­rarne almeno uno alla giustizia.

Ser­gio Bazerla

Parole chiave: