A Gardone una grande cena per aiutare le famiglie delle vittime di New York. Famosi chef italiani e americani e un’asta di vini

Galà per le Torri Gemelle

19/10/2001 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

11 set­tem­bre: a New York crol­lano le Twin Tow­ers, a causa di un attac­co ter­ror­is­ti­co. Al 107° piano del­la pri­ma delle due tor­ri col­pite, si trova­va uno dei più cele­bri ris­toran­ti del­la cit­tà: Win­dows on the World. Tra le migli­a­ia di vite inno­cen­ti spaz­zate via ci sono anche i 78 com­po­nen­ti del­lo staff del locale, al lavoro quel mart­edì mat­ti­no. 3 novem­bre: a Vil­la Alba di Gar­done sarà orga­niz­za­ta una cena di gala, denom­i­na­ta «Amer­i­can memo­r­i­al». La ser­a­ta vedrà impeg­nati i ris­tora­tori garde­sani, affi­an­cati da impor­tan­ti chef ital­iani e cal­i­for­ni­ani. Nel­la cir­costan­za ver­ran­no bat­tuti all’as­ta mag­num di pres­ti­giosi nomi del­l’enolo­gia, uni­ti in un sim­bol­i­co con altret­tante impor­tan­ti can­tine statu­niten­si. Una sor­ta di ricor­do delle Twin Tow­ers. Orga­niz­za il Comi­ta­to di Salò­golosa, che fa capo ad Ange­lo Dal Bon, del­la «Cam­pag­no­la». Lo scor­so inver­no i salo­di­ani era­no andati oltre oceano, pre­sen­tan­do i piat­ti del­la Riv­iera su un pal­cosceni­co eccezionale: il castel­lo Neaubum di Fran­cis Ford Cop­po­la, a St. Hele­na, che si tro­va nel cuore del­la Napa Val­ley, in Cal­i­for­nia. Un fat­to davvero ecla­tante, se si pen­sa che i nos­tri pic­coli pro­dut­tori han­no avu­to la pos­si­bil­ità di pre­sen­tar­si ai più gran­di wine­mak­er del mon­do, come Mon­davi, Mumm, Chapelet, Caimus ecc. Curiosa e scenografi­ca anche la pre­sen­tazione delle bot­tiglie dei vari , , Lugana, Fran­ci­a­cor­ta e olii extravergine, avvenu­ta fra gli Oscar vin­ti dal famoso reg­ista, e fra alcu­ni ogget­ti uti­liz­za­ti nei suoi più famosi film, come la scriva­nia de «Il Padri­no», i cos­tu­mi di «Drac­u­la», le auto di «Apoc­alisse Now». Il legame culi­nario con gli Usa si è raf­forza­to in mag­gio, con l’ar­ri­vo (sul lago) del cuo­co Mar­i­ano Orlan­do, che ha pro­pos­to «Empanadas», «Pro­sciut­to di pet­to d’ana­tra» e «Crotin di polen­ta e man­go sapor­i­to». Bepi Fer­rari, un salo­di­ano che ha fat­to for­tu­na al Plaza di New York e in altri ris­toran­ti, ha invece pre­sen­ta­to il cock­tail «The leg­end». I rap­por­ti si sta­vano con­cretiz­zan­do con altre inizia­tive. Ma la trage­dia del mese scor­so, inim­mag­in­abile, ha las­ci­a­to il seg­no, obbli­gan­do a una pausa di rif­les­sione. Così, sol­lecitati dal­la Ldei, una asso­ci­azione Usa, quel­li di Salò­golosa han­no deciso di alle­stire una cena di gala. Il guadag­no andrà a van­tag­gio dei famil­iari del­lo staff del ris­torante Win­dows on the world. Numerose le ade­sioni eccel­len­ti per­venute da espo­nen­ti del mon­do enogas­tro­nom­i­co. Dario Cec­chi­ni, Piero Anti­nori, Michele Chiar­lo, Francesco Ric­a­s­oli, Vit­to­rio Moret­ti, Giu­lia Cav­al­leri, Chiara Lun­garot­ti, Gior­gio e Cristi­na Pelis­sero, Gior­gio Riv­et­ti, Pao­lo Sarac­co, Gualtiero March­esi, per citarne solo alcu­ni, han­no espres­so la loro sol­i­da­ri­età, dichiaran­dosi dis­posti a col­lab­o­rare all’inizia­ti­va. Che, per cer­ti ver­si, ricor­da quel­la di novan­t’an­ni fa. Il 14 aprile 1912 affondò il Titan­ic, e migli­a­ia di per­sone annegarono. Per ricor­dare i cuochi a bor­do del transat­lanti­co, il cele­bre Auguste Escoffi­er, francese, sol­lecitò chef e ris­toran­ti nel­la rac­col­ta di fon­di, coin­vol­gen­do l’in­tera Europa in una gara di gen­erosità. «Non pos­si­amo sapere se, un giorno, a New York, quelle splen­dide Finestre sul mon­do riapri­ran­no. Vogliamo comunque tes­ti­mo­ni­are la nos­tra uman­ità feri­ta, per­me­t­ten­do (a quan­ti sentono l’in­sosteni­bile peso del­la trage­dia) di essere vici­ni», con­clude Del Bon. Per infor­mazioni, con­tattare G.A.R.D.A., vico­lo Toma­cel­li 3, Salò, tele­fono 0365–20872, info@angelofoodgarden.com.

Parole chiave: -