A Salò

La floradel Gardaraccontatada Belotti

04/04/2008 in Cultura
A Salò
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
S.ZA.

Questo pomerig­gio alle ore 18 nel­la Sala dei Provved­i­tori del palaz­zo comu­nale di Salò ver­rà pre­sen­ta­to il libro del com­pianto Pier­car­lo Belot­ti «Scrit­ti del­la flo­ra del Gar­da», a cura dell’Ateneo locale, dell’Associazione stori­co-arche­o­log­i­ca del­la Riv­iera e de «Il Som­mo­la­go» di Arco. Dopo l’introduzione del sin­da­co Giampi­etro Cipani e dall’assessore alla cul­tura Gualtiero Comi­ni, inter­ver­ran­no Pino Mongiel­lo, Mau­ro Grazi­oli e Anto­nio Foglio, che si sono occu­pati del­la rac­col­ta e dell’edizione dei testi con Domeni­co Fava e Gian­fran­co Lig­asac­chi. Numerosi gli enti che han­no con­ces­so un sosteg­no finanziario per la pubblicazione.Il vol­ume con­tiene i sag­gi ded­i­cati da Pier­car­lo alla flo­ra del Gar­da. Si par­la degli alberi mon­u­men­tali dell’Alto lago, del­la Cen­tau­rea alpina (una rar­ità scop­er­ta nel­la valle di Campiglio, a Toscolano Mader­no), di fiori del­la Valvesti­no, can­fo­ra, limone, alloro, oli­vo, yuc­ca, cap­pero, ecc. Fotografie di Lionel­lo Alberti.Belotti, botan­i­co, ex sin­da­co di Gar­done Riv­iera, inseg­na­va all’Istituto tec­ni­co «Bat­tisti» di Salò, dove rico­pri­va il ruo­lo di vicepre­side. Numerosi i suoi stu­di. L’ultimo lo ha ded­i­ca­to al restau­ro del palaz­zo comu­nale, dopo il ter­re­mo­to del novem­bre 2004.

Parole chiave:

Commenti

commenti