Concorsi. Domani alle 20.30 a Villa Nichesola di Caprino, sede della Comunità montana, saranno assegnati i riconoscimenti Giardino d’Europa alla protezione civile di Ferrara e al naturalista Raffaello Boni Vincono invece per gli scritti le scuole di San Z

Premi per i cantori del Baldo

07/05/2004 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Maurizio Delibori

Saran­no con­seg­nati domani alle 20.30 a vil­la Nich­eso­la al Pla­tano, sede del­la Comu­nità mon­tana del , i pre­mi Gia­rdi­no d’Europa e Rac­con­ta il Bal­do, pro­mossi dal cen­tro tur­is­ti­co gio­vanile (Ctg) Monte Bal­do in col­lab­o­razione con la Comu­nità mon­tana e patri­c­i­nati dall’ Altro gior­nale . La giuria ha asseg­na­to ex aequo la dec­i­ma edi­zione del pre­mio Gia­rdi­no d’Europa alla di Fer­rara di Monte Bal­do e al suo pres­i­dente Pal­mari­no Loren­zi e al nat­u­ral­ista Raf­fael­lo Boni. Pre­mi­ate anche, per la sezione ris­er­va­ta a chi bive in mon­tagna, Anto­nio Gia­co­mazzi di Salzano e Mar­cel­lo Sante Gia­co­mazzi di Bra­ga, entram­bi scom­par­si nell’ultimo anno, e Adele Arrigh­i­ni di Tor­ri. Spie­ga il pres­i­dente del­la Comu­nità mon­tana, Lui­gi Castel­let­ti: «Il pre­mio è sta­to isti­tu­ito nel 1995 per seg­nalare per­sone, enti o asso­ci­azioni che si siano dis­tin­ti nel­la pro­mozione dell’area baldense. Hor­tus Europae, gia­rdi­no d’europa, è il nome con cui il Bal­do è conosci­u­to dal XVI sec­o­lo per la ric­chez­za e vari­età del­la sua flo­ra». La pro­tezione civile di Fer­rara viene seg­nala­ta «per aver pro­mosso numerosi inter­ven­ti di assis­ten­za, soc­cor­so, pro­tezione ambi­en­tale e pre­ven­zione incen­di sul Bal­do Ori­en­tale». Il nat­u­ral­ista Raf­fael­lo Boni «per il suo impeg­no pluri­en­nale nel­la sal­va­guardia del Bal­do e per la divul­gazione del­la sua flo­ra, fau­na e pae­sag­gio tramite la ». Nel­la sezione res­i­den­ti, sono sta­ti pre­miati la famiglia di Anto­nio Gia­co­mazzi, pre­mat­u­ra­mente scom­par­so, «per aver con­tin­u­a­to la tradizionale attiv­ità di mal­ga e aver ria­per­to l’azienda agri­t­ur­is­ti­ca di Imes»; la famiglia di Mar­cel­lo Sante Gia­co­mazzi, anch’esso pre­mat­u­ra­mente scom­par­so, «per aver con­tin­u­a­to la tradizionale attiv­ità di alpeg­gio e per la pro­fon­da dedi­zione al lavoro pas­torale»; Adele Arrigh­i­ni, «per il servizio di cus­to­dia dell’eremo dei San­ti Benig­no e Caro a Cas­sone di Mal­ce­sine, svolto per una quindic­i­na di anni, assieme al mar­i­to pas­tore». La giuria ha seg­nala­to inoltre Luciano Semen­za­to, pilota di Verona Emer­gen­za, «per le mis­sioni di soc­cor­so alpino svolte con l’elicottero». Il pre­mio con­siste in una tar­ga e in pub­bli­cazioni sul ter­ri­to­rio baldense. L’edizione del­lo scor­so anno fu asseg­na­ta alla pro­tezione civile di Mal­ce­sine e a Gabriele Laz­zari­ni, fonda­tore del soc­cor­so alpino veronese e, per gli abi­tan­ti del­la mon­tagna, a Raf­faele e Pao­la Loren­zi e a Ugo e Patrizia Bonafi­ni. La ser­a­ta di pre­mi­azione sarà alli­eta­ta da musi­ca e . Il pre­mio del pri­mo con­cor­so let­ter­ario Rac­con­ta il Bal­do va invece alle scuole ele­men­tari e medie di San Zeno di Mon­tagna per due rac­con­ti scrit­ti dagli alun­ni di quin­ta ele­mentare e di pri­ma media: il pri­mo riguar­da le fontane di San Zeno, il sec­on­do una sto­ria ambi­en­ta­ta in mal­ga nel XIX sec­o­lo. Nel­la sezione ris­er­va­ta a stu­den­ti uni­ver­si­tari, per tesi e ricerche svolte negli ulti­mi due anni sul ter­ri­to­rio baldense, è sta­ta pre­mi­a­ta Francesca Dall’Ora di Gar­da con una tesi di lau­rea in scien­ze e tec­nolo­gie per la natu­ra su un sen­tiero nat­u­ral­is­ti­co-didat­ti­co prog­et­ta­to tra Imes, Colonei e Val­fred­da. Questi lavori saran­no pre­miati con volu­mi e pub­bli­cazioni rel­a­tivi al Monte Bal­do, e saran­no inoltre pub­bli­cati sul quader­no cul­tur­ale Il Bal­do del 2005. È sta­to infine seg­nala­to il libro Tor­na mar­zo su ques­ta ter­ra di Mario Bert­era, che nar­ra le vicende di par­ti­giani sul Monte Bal­do durante la Sec­on­da guer­ra mon­di­ale, pub­bli­ca­to lo scor­so anno da Gabriel­li editore.

Parole chiave: -