giovedì, Giugno 13, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiI cigni sono belli e affettuosi ma sporcano un po’ troppo
Come ben si sa l’inverno nelle acque del lago è molto più mite che altrove.

I cigni sono belli e affettuosi ma sporcano un po’ troppo

Come ben si sa l’inverno nelle acque del lago è molto più mite che altrove. Ciò favorisce l’immigrazione di molti volatili in una zona quieta e molto più «vivibile» delle acque gelide dell’Adige o dei corsi d’acqua della bassa veronese e del mantovano. Ma vale anche la pena di ricordare che proprio da Peschiera fino a Bardolino le acque del Garda sono una zona faunistica protetta e quindi una vera e propria riserva per i pennuti. In questi giorni è meraviglioso percorrere le rive del lago nelle località indicate per godersi lo spettacolo della vera «moltitudine» di uccelli acquatici presenti sul pelo dell’acqua. A farla da padrone le anatre, seguite dai bei germani reali, dalle folaghe e dai bianchissimi cigni. Questi ultimi si sono veramente riprodotti in maniera elevata e per certi versi incontrollata. Solamente nelle acque di Lazise, da Villa Pergolana fino alla zona della foce del rio Marra e finanche alla zona dei campeggi, la Bottona e Fossalta, è tutto un pullulare di bellissimi esemplari bianchissimi con il lungo becco giallo. Sono la felicità dei bambini e lo stupore dei turisti. In questo periodo, poi, che le acque del lago sono ancora «alte» alcuni esemplari più spregiudicati dei candidi pennuti si avventurano sulla banchina e perfino per le vie del centro storico. I turisti sono meravigliati ma i commercianti invece sono arrabbiati, per non dire di più, perché i bei cigni non sono molto rispettosi delle vie e piazze. Sono abituati a far tutto «in acqua», loro habitat naturale. Gironzolando quindi per la via non badano molto agli altri e lasciano «omaggini» dappertutto. Non sono degli screanzati ma solamente degli sbadati. E si lasciano andare… «Gli escrementi lasciati non fanno né un bel piacere né un bel vedere », afferma un ristoratore innervosito, « e tocca a noi poi rimettere la cose a posto. Ben vengano le oasi faunistiche, le zone «naturali», la moltitudine dei pennutti, ma che almeno «imparino» a vivere nell’acqua, sembrano affermare gli operatori turistici.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video