domenica, Luglio 21, 2024
HomeAttualitàItalia in Rosa, un successo nonostante il maltempo
Ha ottenuto un grande riscontro di pubblico la quarta edizione di Italia in Rosa, che ha tenuto banco nel weekend del 4 e 5 giugno a Moniga del Garda: oltre 2000 le presenze nonostante le incognite del meteo.

Italia in Rosa, un successo nonostante il maltempo

I capricci di una primavera particolarmente bizzosa non hanno guastato la festa di “Italia in Rosa”:  a Moniga del Garda la quarta edizione de lla più qualificata vetrina enologica nazionale dedicata ai rosè ed all’autoctono Chiaretto ha riscosso un successo inatteso, sancito da oltre 2000 presenze che nel weekend del 4 e 5 giugno hanno affollato il parco di Villa Bertanzi per l’attesa due giorni enogastronomica. “Sulla manifestazione è pesata l’incognita di un tempo incerto, che però non ha compromesso il risultato finale – afferma il presidente di Italia in Rosa, Luigi Alberti -. Nella due giorni, nonostante i temporali, a villa Bertanzi sono girate oltre 2000 persone, e la Città del Chiaretto si è confermata punto di riferimento nazionale per i cultori di vini rosa”. Soddisfatto anche il presidente del Consorzio Garda Classico, Sante Bonomo. “Italia in Rosa si è confermata anche quest’anno manifestazione particolarmente raffinata ed elegante, apprezzata da un pubblico spesso giovane che coltiva una passione per l’approccio meditato e responsabile al mondo del vino. La forte presenza di giornalisti ed opinion leader provenienti anche dall’estero è ulteriore prova dell’unicità dell’evento e del grande interesse riscosso dal Chiaretto nonché dall’annuncio della nuova Doc Valtènesi”. La storicità che distingue il Chiaretto dagli altri vini rosati d’Italia è stato del resto il concetto portante di questa edizione, che ha vissuto anche un approfondimento di alto profilo tecnico con il convegno “Pensa in Rosa”, un dibattito sul futuro dei vini rosa cui hanno portato preziosi contributi personaggi come l’enologo Prof. Rocco Di Stefano, il giornalista Tullio Ferro ed un degustatore navigato e conosciuto in tutta Italia come Daniele Cernilli. Il tutto mentre in fiera un plotone di sommelier Ais ha curato le degustazioni di oltre 150 etichette proposte da più di 100 cantine italiane e francesi, e gli esperti Onav hanno curato le selezioni per l’assegnazione del Trofeo Pompeo Molmenti 2011 al miglior Chiaretto della vendemmia 2010. I vini in concorso erano 24, e dalla rosa di sei finalisti è emerso come vincitore il Chiaretto dell’azienda agricola Redaelli De Zinis di Calvagese, da una rosa di Chiaretti finalisti di Sergio Delai, Avanzi, Masserino, La Basia e Civielle. Alla fine, l’arrivederci ad un’edizione 2012 che naturalmente già si preannuncia all’insegna del Valtènesi: sul mercato dal 14 febbraio, il Chiaretto declinato secondo gli stilemi della nuova Doc sarà grande protagonista di una manifestazione che punta ad un taglio ancora più professionale e promette fin d’ora numerose novità.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video