sabato, Giugno 15, 2024
HomeAttualitàPer l’Appa il Garda è pulito. I controlli quindicinali smentiscono Legambiente
«E’ perlomeno strano, dal punto di vista scientifico, effettuare un prelievo d’acqua alla foce di un fiume ed estendere poi all’intero bacino lacustre i risultati delle analisi effettuate su quel campione». Ad affermarlo è Franco Guizzardi della Direzione igiene e sanità pubblica dell’Azienda per i servizi sanitari della Provincia. Il tema è l’allarme lanciato nei giorni scorsi da Legambiente sul livello di inquinamento del Garda.

Per l’Appa il Garda è pulito. I controlli quindicinali smentiscono Legambiente

L’Appa, nel quadro della nornmale attività istituzionale, effettua i controlli sulla baneabilità delle acque pubbliche. Sul Garda i suoi punti di prelievo sono dieci, otto normali e due extra: le spiagge Miralago, Sabbioni e dei Pini, il pontile del campeggio Maroadi e quello al Cor, la spiaggia della Conca d’Oro, dell’albergo Pier e di Tempesta. In più viene effettuato un prelievo in centro lago (pressapoco al confine con le province di Brescia e Verona, soprattutto per avere elementi in caso che il Basso lago affermasse di essere «inquinato» dai trentini) ed alla spiaggia del du Lac.  I prelievi sono stati effettuati anche in questi mesi con scadenza più o meno quindicinale, dal 6 aprile in poi per sette volte tra primavera ed estate. L’ultimo dato disponibile, consultabile sul sito internet dell’Apss, riguarda le analisi del 15 luglio: alla Miralago sono risultati presenti per ogni 100 ml d’acqua 7 coliformi, 9 streptococchi fecali ed 1 coliformi fecale; alla Sabbioni zero per tutte i tipi di microrganismo, al du Lac rispettivamente 44, 1 e 21; alla spiaggia dei Pini 3 coliformi, zero streptococchi e zero coloformi fecali.  I coliformi sono microrganismi che indicano una contaminazione da feci delle axcque: per legge non devono superare i 2000 per 100 ml. La massima concentrazione rilevata nelle acque rivane è di 96 alla spiaggia dei Pini il 30 aprile.  I coliformi fecali sono normale flora batterica dei mammiferi, ed indicano contaminazione fecale recente: il limite di legge è di 100 in 100 ml d’acqua. Il massimo riscontrato è di 21, il 15 luglio alla spiaggia del du Lac.  Gli streptococchi fecali sono batteri della flora microbica intestinale ed indicano una contaminazione fecale recentissima: il limite è di 100 colonie in 100 ml. Il massimo, 9 è stato rilevato il 15 luglio alla spiaggia Miralago.  La conclusione: finchè continua a funzionare il controllo e finchè l’azienda sanitaria espone bandiera verde, la balneazione non presenta problemi di sorta. Una contestazione «nei fatti» di quanto invece pubblicato da Legambiente dopo la campagna «Goletta dei laghi»: secondo l’associazione, la foce del fiume Sarca è fortemente inquinata (coliformi e/o streptococchi fecali oltre 500) e quella di Punta Lido – dove sboccano i torrenti Albola e Varone – inquinata e altresì sconsigliabile. Il problema è appunto il carattere episodico del rilievo effettuato da Legambiente e il punto scelto per il controllo: a breve distanza dalla foce, gli agenti inquinanti possono anche assumere una concentrazione nell’acqua non più rilevante.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video